Italia markets open in 7 hours 34 minutes
  • Dow Jones

    35.116,40
    +278,24 (+0,80%)
     
  • Nasdaq

    14.761,29
    +80,23 (+0,55%)
     
  • Nikkei 225

    27.641,83
    -139,19 (-0,50%)
     
  • EUR/USD

    1,1872
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • BTC-EUR

    32.382,10
    -1.063,48 (-3,18%)
     
  • CMC Crypto 200

    928,35
    -15,09 (-1,60%)
     
  • HANG SENG

    26.194,82
    -40,98 (-0,16%)
     
  • S&P 500

    4.423,15
    +35,99 (+0,82%)
     

Contratti brevi e nuove formule, ecco come cambia il mercato post Covid: Calhanoglu apripista

·2 minuto per la lettura

No money no party. Il calciomercato ai tempi della pandemia è la somma di tante componenti: creatività, competenze, equilibrio e rapidità decisionale. Le società sono chiamate a mitigare le perdite, prestare maggiore attenzione alle esigenze di bilancio e rinforzare le proprie squadre con le esigue risorse economiche rimaste. Perché proprio su quest’ultimo punto ruota poi tutto: alimentare i sogni dei tifosi è fondamentale anche in vista della prossima riapertura degli stadi al pubblico.

LA VIA DEL PRESTITO - Come riuscirci? Una strada che stanno percorrendo diverse società è quella del prestito magari con un riscatto leggermente superiore a quello che è il valore effettivo al momento della conclusione dell’affare. In Italia veniva spesso vista come mossa improvvisata, una sorta di jolly d'emergenza per scavalcare problemi economici o per tamponare ruoli scoperti senza potersi permettere investimenti di peso. E, invece, nell’economia del calcio post Covid fa rima con investimento calibrato: si riducono i rischi di incidere sul bilancio in modo aggressivo e si ha la possibilità di valutarne i benefici prima del bonifico finale. L’esempio lampante è quello del Milan: a gennaio ha preso con questa formula sia Meite che Tomori. Il primo non ha convinto del tutto ed è tornato al Torino, il secondo ha avuto un impatto talmente tanto positivo da giustificare un esborso di ben 28 milioni di euro. Gli acquisti di Piatek e Paqueta pagati cash sembrano un lontanissimo ricordo.

CONTRATTI BREVI - Un’altra novità, rispetto a quelle che erano le abitudini dei club italiani, è quella dei contratti brevi. Il caso di Calhanoglu all’Inter è emblematico in tal senso: nonostante non sia costato praticamente nulla di cartellino, il trequartista turco si è legato al club nerazzurro con un accordo triennale. Lo stesso è successo con Memphis Depay che ha firmato un contratto biennale con il Barcellona. Questo cambio di direzione è ascrivibile alla nuova attenzione massima ai bilanci e ai rischi sugli investimenti. Il calciomercato sta cambiando radicalmente, la rivoluzione è oggi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli