Annuncio pubblicitario
Italia markets open in 7 hours 14 minutes
  • Dow Jones

    38.612,24
    +48,44 (+0,13%)
     
  • Nasdaq

    15.580,87
    -49,91 (-0,32%)
     
  • Nikkei 225

    38.802,94
    +540,78 (+1,41%)
     
  • EUR/USD

    1,0833
    +0,0011 (+0,10%)
     
  • Bitcoin EUR

    47.612,29
    -609,55 (-1,26%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • HANG SENG

    16.503,10
    +255,59 (+1,57%)
     
  • S&P 500

    4.981,80
    +6,29 (+0,13%)
     

Contratto, Intesa farà interesse dipendenti guardando a prospettive banca - Ceo

Il logo della banca Intesa Sanpaolo

MILANO (Reuters) - Nell'ambito della trattativa per il rinnovo del contratto bancario, Intesa Sanpaolo punta a raggiungere aumenti salariali più alti possibili che siano compatibili con condizioni e prospettive della banca.

Lo ha detto il Ceo Carlo Messina a margine di un evento a Milano.

Intesa ha revocato il mandato di rappresentanza sindacale all'Abi e la affiancherà nel confronto con le organizzazioni sindacali nazionali a livello di settore per il rinnovo del contratto di categoria scaduto a fine anno.

"Quello che dobbiamo fare è l'interesse delle persone che lavorano in banca. Il mio obiettivo è fare in modo che possano avere gli aumenti di stipendio più alti possibili compatibilmente con le condizioni e le prospettive della banca", ha detto Messina.

"Noi faremo la miglior negoziazione possibile nell'interesse delle persone che lavorano in banca. Perché l'interesse esclusivo che ho io - e le 100.000 che lavorano in banca lo sanno - è di fare in modo che le persone della banca abbiano le migliori condizioni possibili. Questo è il mio obiettivo e questo raggiungeremo alla fine di questo percorso", ha aggiunto.

Alla domanda se la contrattazione possa essere "lacrime e sangue", Messina ha replicato che "bisogna mantenere un'assoluta serenità".

"La volontà da parte delle aziende e in particolare di Intesa è di fare il meglio per le persone che lavorano nella banca. Partendo da questi presupposti è chiaro che gli accordi vengono fatti nel miglior modo possibile e con tutte le tutele e le garanzie stabilite. Non è mai successo diversamente", ha concluso.

(Gianluca Semeraro, editing Andrea Mandalà)