Italia markets open in 2 hours 51 minutes
  • Dow Jones

    28.210,82
    -97,97 (-0,35%)
     
  • Nasdaq

    11.484,69
    -31,80 (-0,28%)
     
  • Nikkei 225

    23.470,06
    -169,40 (-0,72%)
     
  • EUR/USD

    1,1846
    -0,0021 (-0,18%)
     
  • BTC-EUR

    10.779,33
    +1.449,93 (+15,54%)
     
  • CMC Crypto 200

    255,92
    +11,03 (+4,50%)
     
  • HANG SENG

    24.718,10
    -36,32 (-0,15%)
     
  • S&P 500

    3.435,56
    -7,56 (-0,22%)
     

Convocato un quinto ragazzo per la rissa di Colleferro

·1 minuto per la lettura
omicidio willy
omicidio willy

La Procura di Velletri ha convocato un quinto ragazzo nell’ambito dell’uccisione di Willy Monteiro: si tratta di un giovane, al momento non indagato, che si trovava nell’auto insieme ai fratelli Marco e Gabriele Bianchi, ora in carcere con l’accusa di omicidio volontario.

Omicidio Willy: quinto ragazzo convocato

Vittorio Edoardo Tondinelli, questo il nome dell’amico dei quattro aggressori, non avrebbe personalmente preso parte alla rissa di Colleferro. Sarebbe infatti rimasto nell’auto, l’Audi Q7 che ha poi permesso ai giovani di fuggire dalla scena del delitto e a bordo della quale i Ris hanno trovato alcune tracce organiche.

I Carabinieri avevano infatti posto il mezzo sotto sequestro proprio per cercare sangue o altro materiale biologico. I risultati delle analisi che verranno effettuate su quanto ritrovato ne chiariranno la provenienza e serviranno a far luce su alcuni dettagli dell’omicidio. Al momento Vittorio non risulta comunque indagato ma da tempo si vocifera che la magistratura potrebbe muovere nei suoi confronti un’accusa di favoreggiamento.

Non si esclude dunque che la situazione possa cambiare. Il ragazzo di Velletri, che nella notte tra il 5 e il 6 settembre 2020 era tornato ad Artena insieme agli amici, si è presentato in Procura questa mattina accompagnato dal proprio avvocato Andrea Palmiero.

Intanto i fratelli Bianchi si sarebbero resi protagonisti di un altra aggressione ai danni di un detenuto. Dopo aver trascorso un periodo di isolamento come previsto dalle norme anti coronavirus, sarebbero venuti a contatto con altri carcerati e avrebbero preso a pugni uno di loro, costringendolo a delle cure in infermeria.