Italia Markets closed

Coop utilizza tecnologia blockchain per uova a marchio

webinfo@adnkronos.com

Coop Italia e Ibm annunciano oggi i primi risultati di un percorso iniziato un anno fa, quando Coop e Ibm hanno lanciato un "Call for Ideas" dedicata all'applicazione della tecnologia blockchain alla filiera alimentare e in particolare alla produzione delle uova a marchio Coop. Tra le 28 idee presentate, quella che ha maggiormente delineato il potenziale della blockchain, è stata la start-up francese Connecting Food. Si tratta della prima applicazione di una tracciabilità completa delle uova fresche biologiche della linea Coop Vivi Verde (confezione da 6 uova), che è arrivata sugli scaffali Coop in Italia nel maggio 2019.  

La soluzione sviluppata, basata su Hyperledger Fabric, un framework della Linux Foundation, è ospitato su Cloud Ibm, permette la piena trasparenza e visibilità dei vari attori coinvolti nella filiera della produzione delle uova a marchio Coop coinvolge complessivamente 2 milioni di galline per oltre 200 milioni di uova prodotte all’anno. 

Il consumatore, scansionando il QR Code stampato sulla nuova confezione e digitando il codice specifico del lotto, può scoprire la storia del prodotto e risalire dal punto vendita all'allevamento, identificando non solo il territorio da cui proviene l'uovo, ma anche l'incubatore da cui è nata la gallina. I consumatori possono constatare inconfutabilmente che le uova sono state prodotte nel pieno rispetto dei requisiti di benessere animale, mai chiusi in gabbia, e senza l'uso di antibiotici. Tutto ciò è certificato da due organismi terzi indipendenti e dimostra il rispetto di tutte le norme di legge e dei requisiti aggiuntivi previsti da Coop Italia.