Italia markets open in 4 hours 38 minutes
  • Dow Jones

    35.754,75
    +35,32 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    15.786,99
    +100,07 (+0,64%)
     
  • Nikkei 225

    28.818,53
    -42,09 (-0,15%)
     
  • EUR/USD

    1,1335
    -0,0009 (-0,08%)
     
  • BTC-EUR

    43.996,93
    -824,75 (-1,84%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.304,58
    -0,53 (-0,04%)
     
  • HANG SENG

    24.275,91
    +279,04 (+1,16%)
     
  • S&P 500

    4.701,21
    +14,46 (+0,31%)
     

Cop 26, Cia: bloccare deforestazione, agricoltori in prima linea

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 2 nov. (askanews) - Mettere fine alla deforestazione entro il 2030, con investimenti per quasi 20 miliardi di dollari. L'accordo alla Cop 26 in corso a Glasgow, annunciato dal premier britannico Boris Johnson, è di fondamentale importanza, riconoscendo la funzione insostituibile di boschi e foreste nella lotta al cambiamento climatico. Così Cia-Agricoltori Italiani, ricordando che ogni ettaro di superficie coperta di alberi è in grado di assorbire in media 2 tonnellate l'anno di CO2, liberando una tonnellata di ossigeno.

Un impegno che fa il paio con la piantumazione di mille miliardi di alberi a livello mondiale entro il 2030, fissato nel documento finale del G20 di Roma - osserva Cia in una nota - e su cui l'Italia può essere esempio e capofila. Già oggi, infatti, il patrimonio boschivo nazionale supera gli 11 milioni di ettari di superficie, oltre un terzo dell'intero territorio italiano.

C'è necessità, però, di recuperare, rafforzare e spingere sulla corretta gestione e manutenzione delle foreste, proprio perché sono fonti straordinarie di ossigeno e di materie prime rinnovabili e rappresentano una delle principali risorse per lo sviluppo delle aree rurali e montane. "Un compito - sottolinea Cia - che è cucito addosso agli agricoltori, non solo perché circa il 40% delle aziende del settore è interessato dai boschi, ma anche perché già oggi gli agricoltori sono in prima linea nella salvaguardia del patrimonio forestale del Paese, fungendo da guardiani del territorio contro gli incendi e il degrado dei versanti e da custodi di suolo e territorio".

"Ovviamente, non basta piantare alberi per risolvere la crisi climatica globale - conclude Cia - Bisogna lavorare per convincere tutti i Paesi, in primis Cina, India e Russia, a ridurre le loro emissioni attuando le misure necessarie per arrivare insieme al traguardo della neutralità carbonica".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli