Italia markets close in 2 hours 34 minutes
  • FTSE MIB

    21.564,65
    -422,35 (-1,92%)
     
  • Dow Jones

    30.937,04
    -22,96 (-0,07%)
     
  • Nasdaq

    13.626,06
    0,00 (0,00%)
     
  • Nikkei 225

    28.635,21
    +89,03 (+0,31%)
     
  • Petrolio

    52,52
    -0,09 (-0,17%)
     
  • BTC-EUR

    25.253,07
    -1.018,57 (-3,88%)
     
  • CMC Crypto 200

    615,48
    -24,44 (-3,82%)
     
  • Oro

    1.839,20
    -11,70 (-0,63%)
     
  • EUR/USD

    1,2114
    -0,0055 (-0,45%)
     
  • S&P 500

    3.849,62
    -5,74 (-0,15%)
     
  • HANG SENG

    29.297,53
    -93,73 (-0,32%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.525,71
    -67,12 (-1,87%)
     
  • EUR/GBP

    0,8845
    -0,0007 (-0,08%)
     
  • EUR/CHF

    1,0762
    -0,0020 (-0,19%)
     
  • EUR/CAD

    1,5459
    +0,0024 (+0,15%)
     

Corneliani: trovata soluzione per ripartenza delle produzioni e tutela occupazione

Valeria Panigada
·1 minuto per la lettura

E’ stata trovata una soluzione per la ripartenza delle attività produttive e per la salvaguardia dell'occupazione della storica azienda tessile Corneliani. E’ questo l’esito del tavolo riunito ieri presso la Prefettura di Mantova, a cui hanno partecipato le Sottosegretarie Alessandra Todde e Alessia Morani, le istituzioni locali, l’azienda, il Commissario giudiziale e i sindacati. Nel corso dell’incontro il Ministero dello Sviluppo Economico si è impegnato ad intervenire attraverso il Fondo per la gestione delle crisi d’impresa, previsto nel Decreto Rilancio, per supportare la ripresa delle produzioni di un importante marchio del Made in Italy. “E’ iniziato ieri un percorso importante per la ripresa del sito di Corneliani”, dichiarano le Sottosegretarie Todde e Morani. “La soluzione passa per un intervento del MiSE con il Fondo appena istituito per la gestione delle crisi d’impresa. Ci sarà un intervento in equity che permetterà al Commissario giudiziale di poter elaborare i presupposti per il proseguimento delle attività in continuità. L’obiettivo è garantire la ripresa immediata di Corneliani e il rientro in fabbrica di tutte le lavoratrici e i lavoratori”, concludono le Sottosegretarie.