Italia Markets close in 2 hrs 55 mins
  • FTSE MIB

    22.102,03
    +400,24 (+1,84%)
     
  • Dow Jones

    29.591,27
    +327,79 (+1,12%)
     
  • Nasdaq

    11.880,63
    +25,66 (+0,22%)
     
  • Nikkei 225

    26.165,59
    +638,22 (+2,50%)
     
  • Petrolio

    43,55
    +0,49 (+1,14%)
     
  • BTC-EUR

    16.206,14
    +625,01 (+4,01%)
     
  • CMC Crypto 200

    378,22
    +16,80 (+4,65%)
     
  • Oro

    1.802,20
    -35,60 (-1,94%)
     
  • EUR/USD

    1,1874
    +0,0028 (+0,2375%)
     
  • S&P 500

    3.577,59
    +20,05 (+0,56%)
     
  • HANG SENG

    26.588,20
    +102,00 (+0,39%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.505,99
    +42,95 (+1,24%)
     
  • EUR/GBP

    0,8901
    +0,0017 (+0,19%)
     
  • EUR/CHF

    1,0826
    +0,0026 (+0,24%)
     
  • EUR/CAD

    1,5506
    +0,0020 (+0,13%)
     

Coronavirus, allarme Fipe: 60mila imprese e 300mila posti a rischio

Mlp
·2 minuto per la lettura

Roma, 18 nov. (askanews) - "Nonostante le risorse messe fino ad ora dal governo lo sforzo non è sufficiente per prevenire le chiusure e gli scenari più catastrofici per il 2020, che parlano di 60mila imprese a rischio e 300mila posti lavoro in bilico. A seguito delle nuove restrizioni, occorre infatti rifinanziare i contributi a fondo perduto per compensare le perdite dei locali, occorre consolidare i crediti di imposta sulle locazioni commerciali e prevedere moratorie fiscali, contributive e creditizie". E' il grido d'allarme lanciato dal presidente di Fipe-Confcommercio, Lino Enrico Stoppani, in occasione dell'assemblea annuale. Il quarto trimestre dell'anno si chiuderà con una perdita di fatturato di 10 miliardi di euro, pari al 40%. La previsione per la fine dell'anno è di una flessione di 33 miliardi di euro su 96 complessivi. "La pandemia - spiega Stoppani - ha messo in luce alcune debolezze del settore: la fragilità di tante imprese è il frutto dell'espansione quantitativa e non qualitativa cui abbiamo assistito negli ultimi anni, a partire da un processo di liberalizzazioni a tratti semplicistico. Da anni Fipe denuncia il rischio bolla dovuto a un eccesso di offerta: 4,6 imprese ogni mille abitanti. Troppe". Secondo il presidente Fipe occorre ripartire da un rafforzamento dei requisiti professionali per l'accesso al settore che deve essere accompagnato da una politica volta a sostenere la domanda del consumatore da un lato e l'imprenditoria di qualità dall'altro. "Il ricorso massiccio allo smart-working - sottolinea il presidente Stoppani - non si esaurirà con l'attenuarsi della pandemia. Per far fronte alle conseguenze negative che produce e continuerà a produrre sui pubblici esercizi è necessario lavorare non solo sul cash back, per stimolare i pagamenti elettronici, ma anche sull'azzeramento dell'Iva, almeno per tutta la durata della crisi. Allo stesso tempo è essenziale dare vita a un'importante iniziativa di rinnovamento e aggiornamento del sistema dell'accoglienza turistica italiana, rafforzando l'integrazione fra le componenti ricettive e la parte dedicata alla ristorazione e ai servizi". Un modo per riconoscere ai Pubblici esercizi non solo l'importante ruolo di servizio, legato all'accoglienza e alla socialità, ma anche quello di componente essenziale delle filiere dell'agroalimentare e del turismo.