Italia markets open in 35 minutes
  • Dow Jones

    28.210,82
    -97,97 (-0,35%)
     
  • Nasdaq

    11.484,69
    -31,80 (-0,28%)
     
  • Nikkei 225

    23.474,27
    -165,19 (-0,70%)
     
  • EUR/USD

    1,1860
    -0,0007 (-0,06%)
     
  • BTC-EUR

    10.796,29
    +1.466,89 (+15,72%)
     
  • CMC Crypto 200

    256,73
    +11,84 (+4,84%)
     
  • HANG SENG

    24.778,13
    +23,71 (+0,10%)
     
  • S&P 500

    3.435,56
    -7,56 (-0,22%)
     

Coronavirus, alleanza Achilles Vaccines-Tls per sviluppo anticorpo made in Italy

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Passi avanti verso un anticorpo monoclonale anti-Covid made in Italy. Achilles Vaccines e Fondazione Toscana Life Sciences (Tls) hanno siglato un Joint Venture Agreement orientato al finanziamento e alla gestione dello sviluppo industriale del prodotto MAbCo19, frutto della ricerca su anticorpi monoclonali umani come soluzione terapeutica mirata contro Sars-CoV-2. Attraverso l'accordo, Achilles Vaccines svolge il ruolo di coordinatore dei partner tecnici e industriali (tra cui Menarini Biotech Srl e Istituto Biochimico Italiano Giovanni Lorenzini Spa) per garantire un "rapido sviluppo farmaceutico e la produzione del primo lotto clinico del farmaco", si legge in una nota. La sicurezza ed efficacia degli anticorpi monoclonali, candidati farmaco, saranno valutate attraverso gli studi clinici che dovrebbero partire "entro la fine del 2020".

Il progetto di ricerca MabCo19 è condotto dal Monoclonal Antibody Discovery (Mad) Lab coordinato dallo scienziato Rino Rappuoli presso la Fondazione Toscana Life Sciences e ha da poco completato la fase di discovery con la selezione di 3 anticorpi monoclonali umani capaci di neutralizzare in vitro il coronavirus Sars-CoV-2. L'approccio di ricerca su cui si basa è quello dell'individuazione e selezione di anticorpi monoclonali umani a partire dal sangue dei pazienti convalescenti o guariti da Covid-19. I campioni di sangue sono stati forniti, sulla base di specifici accordi di collaborazione, dall'Inmi Spallanzani e dall’Azienda Ospedaliero-Universitaria Senese.