Italia Markets open in 5 hrs 7 mins

Coronavirus, altri 9 italiani evacuati su un volo britannico

Coronavirus, altri 9 italiani evacuati su un volo britannico

Sono arrivati all'aeroporto di Wuhan i 9 italiani che saranno evacuati a bordo di un aereo britannico insieme ai cittadini di altri paesi europei. Dopo le operazioni sanitarie sarà dato il via libera all'imbarco. Tra i connazionali c'è anche lo studente 17enne di Grado, bloccato in Cina lunedì per la febbre rilevata ai controlli medici che gli impedì di prendere il volo dell'unità di crisi della Farnesina con gli altri 56 italiani.

LEGGI ANCHE: I cinque nuovi casi di coronavirus in Francia sono stati contagiati al confine con l'Italia

Il volo arriverà alla base della Raf di Brizenorton, vicino a Londra, da dove i connazionali verranno prelevati da un aereo italiano che arriverà a Pratica di Mare. L'operazione viene coordinata dall'Unità di crisi della Farnesina. I nove saranno poi trasferiti all'ospedale militare del Celio per la quarantena.

GUARDA ANCHE - Coronavirus, ecco il team italiano che ha isolato il virus

Sale il numero delle vittime

L’8 febbraio è stato il giorno con il più alto numero di decessi da quando è esplosa in Cina l'epidemia di coronavirus: sono 86 i morti registrati nelle ultime 24 ore che portano il bilancio delle vittime in Cina a 722. Tra loro anche i primi due stranieri, un americano e un giapponese. L'unico decesso fuori dalla Cina resta quello avvenuto nelle Filippine. I casi di contagio salgono invece a 34.400 in 27 Paesi diversi.

Allo Spallanzani la donna in quarantena alla Cecchignola

Trasferimento precauzionale allo Spallanzani per uno dei 56 rimpatriati da Wuhan e in quarantena alla Cecchignola. “Si tratta di una donna con sola congiuntivite - spiega in una nota il Ministero della Salute - Sebbene negativa al test di nuovo coronavirus 2019-nCoV, è stata trasferita, a titolo precauzionale, all'Istituto Nazionale perle Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma per ulteriori accertamenti".

LEGGI ANCHE: Virus, "assenza giustificata per studenti che tornano da Cina"

Giovedì riunione dei ministri della salute UE

Il 13 febbraio è stata convocata la riunione dei ministri della salute dell'Unione europea. E' quanto emerso dalla task force sul Coronavirus 2019-nCov che si è tenuta nella mattinata dell’8 gennaio. Presente il ministro della Salute, Roberto Speranza. Nel corso dell'incontro si è provveduto a monitorare lo stato di attuazione delle misure adottate. 

GUARDA ANCHE - Coronavirus, appello di una italiana in Cina