Italia markets closed

Coronavirus, appello agenti di commercio a Conte: "In 230mila senza supporto di fronte alla crisi"

webinfo@adnkronos.com

“Dobbiamo esprimere tutta la nostra preoccupazione perché, allo stato attuale, 230.000 agenti di commercio e promotori finanziari sono senza alcun supporto e con essi le loro famiglie, ovvero quasi un milione di persone stanno affrontando la crisi sostanzialmente privi di misure di sostegno”. E’ l’allarme lanciato da Maurizio Grifoni, Coordinatore nazionale Enasarco del futuro (FNAARC, Confcommercio, Confindustria, CNA e Confcooperative), che a nome dell’intera categoria si è rivolto al premier Conte con una lettera aperta pubblicata oggi. 

Nel dare atto al Presidente del Consiglio Conte degli sforzi che il Governo sta facendo per fronteggiare l’emergenza legata all’epidemia di Coronavirus e per supportare le attività produttive, Enasarco del futuro richiama l’urgenza di provvedimenti a sostegno di agenti di commercio e promotori finanziari, una categoria che sarà di fondamentale importanza quando, finita l’emergenza, si dovrà rilanciare l’economia. 

“Gli agenti di commercio e i promotori finanziari - scrive Grifoni - si faranno trovare pronti a ricominciare quando il Paese avrà superato le fasi più drammatiche dell’emergenza, consapevoli di essere la spina dorsale del sistema economico nazionale, ma ora chiedono al Governo di fare di più, e meglio. Dimenticarsi di loro - conclude Grifoni - vuol dire rinunciare alla possibilità di ripresa del Paese”.