Italia markets open in 6 hours 21 minutes
  • Dow Jones

    29.591,27
    +327,79 (+1,12%)
     
  • Nasdaq

    11.880,63
    +25,66 (+0,22%)
     
  • Nikkei 225

    26.185,30
    +657,93 (+2,58%)
     
  • EUR/USD

    1,1850
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • BTC-EUR

    15.573,79
    +154,98 (+1,01%)
     
  • CMC Crypto 200

    368,77
    +7,34 (+2,03%)
     
  • HANG SENG

    26.630,34
    +144,14 (+0,54%)
     
  • S&P 500

    3.577,59
    +20,05 (+0,56%)
     

**Coronavirus: bus e metro sovraffollati a Roma, Codacons presenta istanza al Prefetto**

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Ancora una giornata infernale per i trasporti pubblici della capitale, con stazioni della metro, banchine, bus e vagoni pieni all’inverosimile, senza alcun distanziamento tra i passeggeri e inevitabili rischi sul fronte sanitario. Una situazione che porta oggi il Codacons a minacciare un ricorso per bloccare tutti i mezzi pubblici in circolazione a Roma. "Da giorni oramai si assiste alla sistematica violazione di tutte le regole sul distanziamento sociale nel comparto del trasporti pubblici romani – spiega il presidente Carlo Rienzi – Una vergogna nazionale, perché si chiudono palestre, piscine, cinema e teatri e si limitano fortemente bar e ristoranti, chiedendo sacrifici enormi a cittadini e lavoratori che vengono poi del tutto vanificati dal sovraffollamento di stazioni, metro e bus. Una situazione che oltre ad essere palesemente illegale, mette a rischio la salute pubblica, alimentando il rischio di contagi tra viaggiatori".

Per tale motivo il Codacons presenta una istanza al Prefetto di Roma e lancia un ultimatum: "Chiediamo al Prefetto di intervenire con urgenza per garantire ordine, sicurezza e salute nel comparto dei trasporti pubblici – afferma Rienzi – Se la situazione non dovesse migliorare nei prossimi giorni, saremo costretti a presentare un ricorso per bloccare la circolazione di tutti i mezzi pubblici in servizio nella capitale, considerato che la salute dei cittadini è un interesse primario e predominante su tutti gli altri, come dimostrato dal Governo con gli ultimi Dpcm".