Italia markets close in 1 hour 41 minutes

Coronavirus cambia anche gli influencer, più valori e meno prodotti

Asa

Milano, 6 apr. (askanews) - Parlare di valori più che di prodotti, capire quando è il momento di comunicare e quando invece è più importante agire in modo concreto, essere autentici, andare tra le persone per instaurare un vero legame emozionale tra brand e consumatore. Sono tre indicazioni emerse dall'indagine dalla società internazionale di comunicazione Ogilvy che ha chiesto a più di 80 influencer provenienti da tutta Italia, con una fanbase compresa tra i 50mila e 1milione di follower, di dare la propria opinione su se e come cambierà la loro professione e il rapporto con i marchi che promuovono.

L'85% degli influencer intervistati afferma che la produzione dei propri contenuti sui social network è cambiata, per il 39% sia nei formati sia nei temi trattati e moltissimi (84%) sottolineano come sia aumentata l'autenticità. A detta degli influencer i formati più rilevanti sono le IG stories, i video, le dirette Instagram. A livello di contenuti, ovviamente per molti i temi inerenti al Covid-19 e alla quarantena sono diventati centrali. Aumentati i contenuti indoor, quelli con un taglio informativo ed educativo. Infine, molti influencer si sentono investiti di un ruolo importante per le proprie community: trasmettere positività e speranza.

Nel 74% dei casi, infatti, gli influencer rispondono di essere stati contattati da un brand nelle ultime settimane, anche con cui non avevano mai lavorato prima (43%). È anche vero, però, che assistiamo ad un diverso equilibrio tra contenuti sponsorizzati da un brand e invece contenuti personali, dove i secondi prevalgono. Guardando al futuro, la maggior parte degli influencer crede che la propria professione sia destinata a cambiare e spera che il cambiamento vada nella direzione di creare collaborazioni con le aziende in modo sempre più coerente, dando spazio a messaggi e valori più che alla semplice promozione di prodotti ed iniziative.

"In un momento come questo, dove siamo chiamati a dare risposte pronte e proattive ai nostri clienti che stanno reagendo all'emergenza creata dalla pandemia, abbiamo ritenuto importante fare un'approfondita riflessione su uno degli strumenti del marketing mix che oggi più risultare davvero strategico per adattarsi alle nuove esigenze della comunicazione, che deve necessariamente essere più rilevante, valoriale, realistica, personale" ha commentato in una nota Luca De Fino, capo della divisione PR&Influence di Ogilvy, secondo il quale "oggi le parole chiave sono digitale e autenticità".