Italia Markets closed

Coronavirus, Coldiretti: minaccia record cibo Made Italy in Cina -2-

Red/Gab

Roma, 3 feb. (askanews) - Una conseguenza dell'emergenza sanitaria che si riflette - rileva la Coldiretti - sull'economia cinese ma che ha anche un effetto valanga sul mercato globale. La Cina infatti è la più grande consumatrice mondiale di soia ed è costretta ad importarla per utilizzarla nell'alimentazione del bestiame in forte espansione con i consumi di carne. La soia - precisa la Coldiretti - è uno dei prodotti agricoli più coltivati nel mondo, con gli Stati Uniti che si contendono con il Brasile il primato globale nei raccolti.

Ora la frenata dell'economia e la conseguente riduzione degli acquisti da parte del gigante asiatico potrebbe far cambiare i programmi e modificare gli equilibri raggiunti con nuove tensioni sui rapporti commerciali e sull'economia mondiale che - sostiene la Coldiretti - vanno ben oltre il settore agricolo.

L'andamento delle quotazioni dei prodotti agricoli è infatti sempre piu' fortemente integrato con i movimenti di capitale che si spostano con facilità dai mercati finanziari a quelli dei metalli preziosi come l'oro fino alle materie prime agricole. Un cambiamento che riguarda direttamente l'Italia che - precisa la Coldiretti - è il primo produttore europeo di soia con circa il 50% della soia coltivata ma che è comunque deficitaria e deve importare.

Una situazione - conclude la Coldiretti - che va attentamente monitorata dall'Unione Europea per salvaguardare un settore chiave per la sicurezza e la sovranità alimentare soprattutto in un momento in cui il cibo è tornato strategico nelle relazioni internazionali, dagli accordi di libero scambio alle guerre commerciali come i dazi di Trump, la Brexit o l'embargo con la Russia.