Italia markets open in 5 hours 52 minutes

Coronavirus, commissione Econ Europarlamento: ricorrere ... -2-

Loc

Bruxelles, 18 mar. (askanews) - Della possibilità di un intervento specifico del Fondo salva-Stati a sostegno dei paesi dell'Eurozona più colpiti dal coronavirus si è parlato anche durante la riunione dell'Eurogruppo svoltasi in videoconferenza lunedì scorso, ma le conclusioni della riunione non ne fanno cenno.

Tuttavia, una conferma indiretta è venuta oggi da un portavoce della commissione europea. La Commissione, ha affermato il portavoce rispondendo a un giornalista, "è determinata a garantire che tutti gli strumenti a nostra disposizione siano disponibili per salvaguardare il benessere dei nostri cittadini e mitigare le conseguenze socioeconomiche negative e molto significative dell'epidemia di Covid-19".

"Il Mes - ha ricordato - ha svolto fin dalla sua creazione un ruolo decisivo nel salvaguardare la stabilità dell'Eurozona, aiutando gli Stati membri a riconquistare o mantenere l'accesso ai mercati dei titoli sovrani". In questo contesto, ha riferito il portavoce, "il presidente dell'Eurogruppo, Mario Centeno, ha chiesto alla Commissione e al Mes di esplorare dei modi, nell'ambito dei loro mandati, di affrontare le sfide poste dal coronavirus".

Il portavoce della Commissione ha poi tenuto a sottolineare "che nessuno Stato membro dell'area euro è a rischio di perdere l'accesso al finanziamento dei mercati".

Questo potrebbe significare (ma non ci sono per ora ulteriori chiarimenti) che l'ipotesi a cui si pensa per un eventuale intervento del Mes a sostegno dei paesi colpiti dall'epidemia non verrebbe innescato dalla condizione della perdita dell'accesso ai mercati, che invece è stata applicata ai salvataggi degli Stati membri (Grecia, Irlanda, Portogallo, Cipro e, solo per le banche, Spagna) durante la crisi del debito sovrano dell'Eurozona.