Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.352,46
    +151,02 (+0,68%)
     
  • Dow Jones

    29.910,37
    +37,90 (+0,13%)
     
  • Nasdaq

    12.205,85
    +111,44 (+0,92%)
     
  • Nikkei 225

    26.644,71
    +107,40 (+0,40%)
     
  • Petrolio

    45,53
    -0,18 (-0,39%)
     
  • BTC-EUR

    14.953,87
    +244,23 (+1,66%)
     
  • CMC Crypto 200

    333,27
    -4,23 (-1,25%)
     
  • Oro

    1.788,10
    -23,10 (-1,28%)
     
  • EUR/USD

    1,1970
    +0,0057 (+0,48%)
     
  • S&P 500

    3.638,35
    +8,70 (+0,24%)
     
  • HANG SENG

    26.894,68
    +75,23 (+0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.527,79
    +16,85 (+0,48%)
     
  • EUR/GBP

    0,8984
    +0,0068 (+0,77%)
     
  • EUR/CHF

    1,0811
    +0,0014 (+0,13%)
     
  • EUR/CAD

    1,5539
    +0,0038 (+0,24%)
     

Coronavirus, Confcooperative: calo fatturato per 3 coop su 4

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

Le perdite in termini di fatturato per le cooperative italiane in questo periodo di crisi economica per il covid-19 "variano da settore a settore, ma il dato medio è pesante: il 74% ha registrato un calo di fatturato. Parliamo di 3 cooperative su 4. Il 17% stabile, solo l’8,3% ha incrementato anche in modo sostenuto il volume". A segnalarlo è il presidente di Confcooperative Maurizio Gardini in un'intervista all'Adnkronos. Le misure di contenimento adottate dal Governo, in particolare "lo stop e le limitazioni a bar e ristoranti, - spiega - sta determinando una perdita secca per l’agroalimentare che oscilla tra i 3,5 e i 4 miliardi, ma è l’intera domanda interna che ne risente, perché giorno per giorno si sgonfiano interi indotti. La crisi è generalizzata nelle aree metropolitane come in periferia".

Una crisi che comunque attanaglia in modo trasversale tutti i settori, anche quelli dove le cooperative continuano a lavorare. "Le misure di contenimento e di contrasto al Covid infatti, hanno polarizzato le posizioni. - spiega Gardini - Da un lato hanno determinato lo stop di alcuni settori, penso alle cooperative impegnate nei settori della cultura, dello spettacolo, dello sport, del trasporto persone e della ristorazione. In altri: agroalimentare, consumo e distribuzione, trasporto merci, pulizie e sanificazioni, assistenza alle persone hanno intensificato la richiesta di beni e servizi".

"Ma non è tutto oro ciò che luccica, perché - argomenta il numero uno di Confcooperative - tutti i settori hanno dei problemi. Cultura, turismo, sport, trasporto persone e ristorazione escono già gravemente indeboliti dal lockdown di primavera e dagli effetti della crisi". "Gli altri, pur lavorando scontano vari problemi, - rimarca Gardini - dalla mancanza di manodopera nell’agroalimentare, al personale che si contagia nei settori del welfare, dal crollo della domanda interna al freno dell’export. Per finire i costi per dpi e sanificazioni che devi sostenere e non ti rimborsa nessuno a parità di servizio".