Italia markets open in 7 hours 37 minutes
  • Dow Jones

    27.463,19
    -222,19 (-0,80%)
     
  • Nasdaq

    11.431,35
    +72,41 (+0,64%)
     
  • Nikkei 225

    23.379,97
    -105,83 (-0,45%)
     
  • EUR/USD

    1,1781
    -0,0008 (-0,07%)
     
  • BTC-EUR

    11.624,77
    +65,06 (+0,56%)
     
  • CMC Crypto 200

    270,88
    +9,59 (+3,67%)
     
  • HANG SENG

    24.787,19
    -131,59 (-0,53%)
     
  • S&P 500

    3.390,68
    -10,29 (-0,30%)
     

Coronavirus: continuano a salire i nuovi casi, mantenere attenzione per contenere seconda ondata

Valeria Panigada
·1 minuto per la lettura

Continuano a salire i nuovi casi di coronavirus in Italia. Secondo il monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe, nella settimana 16-22 settembre si registra un ulteriore incremento rispetto alla settimana precedente nel trend dei nuovi casi (10.907 vs 9.837) a fronte di un lieve aumento dei casi testati. Crescono sul fronte degli ospedali, i pazienti ricoverati con sintomi (+382) e in terapia intensiva (+38). Dopo la sostanziale stabilità registrata nella settimana precedente, tornano a salire anche i decessi (105 vs 70). "Se da lato si tratta di numeri che al momento non generano alcun sovraccarico dei servizi ospedalieri – puntualizza Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe – dall’altro non bisogna sottovalutare il trend in costante aumento che impone di mantenere la guardia molto alta, soprattutto in alcune regioni". Da 8 settimane consecutive i numeri confermano la crescita costante della curva epidemica e delle ospedalizzazioni, e al momento sono molte le variabili che non lasciano ipotizzare alcuna flessione: dalla riapertura delle scuole all’aumento della circolazione del virus nella stagione invernale; dal continuo incremento dei casi in paesi senza restrizioni di ingresso in Italia, alla convivenza tra coronavirus e influenza stagionale; dalla vita in ambienti chiusi e su mezzi pubblici più affollati, alla ventilata riapertura degli stadi. "Se è vero che rispetto ad altri paesi europei – conclude Cartabellotta – manteniamo ancora un vantaggio rilevante grazie ad un lockdown più tempestivo, intenso e prolungato e a riaperture più graduali, non è il caso di adagiarsi sugli allori, ma bisogna giocare d’anticipo sul coronavirus per contenere la seconda ondata ed evitare sovraccarichi del sistema sanitario".