Italia markets close in 1 hour 32 minutes
  • FTSE MIB

    25.311,69
    -86,03 (-0,34%)
     
  • Dow Jones

    33.775,73
    -101,24 (-0,30%)
     
  • Nasdaq

    14.148,24
    +6,75 (+0,05%)
     
  • Nikkei 225

    28.884,13
    +873,20 (+3,12%)
     
  • Petrolio

    73,68
    +0,02 (+0,03%)
     
  • BTC-EUR

    24.279,14
    -3.649,24 (-13,07%)
     
  • CMC Crypto 200

    684,39
    -109,94 (-13,84%)
     
  • Oro

    1.775,20
    -7,70 (-0,43%)
     
  • EUR/USD

    1,1905
    -0,0020 (-0,17%)
     
  • S&P 500

    4.221,16
    -3,63 (-0,09%)
     
  • HANG SENG

    28.309,76
    -179,24 (-0,63%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.109,62
    -2,71 (-0,07%)
     
  • EUR/GBP

    0,8567
    +0,0018 (+0,21%)
     
  • EUR/CHF

    1,0949
    +0,0013 (+0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,4735
    +0,0006 (+0,04%)
     

Coronavirus, perché è meno diffuso al Sud: la scoperta

·1 minuto per la lettura
Coronavirus, differenze tra Nord e Sud: il ruolo del dna (Getty Images)
Coronavirus, differenze tra Nord e Sud: il ruolo del dna (Getty Images)

In Italia il coronavirus ha avuto effetti molto diversi al Nord e al Sud e sono molti gli esperti che si sono interrogati negli ultimi mesi su cosa abbia fatto questa notevole differenza. A fornire una nuova risposta ci ha pensato lo scienziato italiano Antonio Giordano, analizzando il DNA alla ricerca di un ipotetico “scudo genetico” che potrebbe aver protetto mezza Italia.

GUARDA ANCHE - I 5 misteri del virus

Pubblicato sulla rivista “International Journal of Molecular Sciences”, lo studio ha evidenziato l’esistenza di di due geni che “potrebbero conferire maggiore suscettibilità all'infezione” da coronavirus, come ha rivelato il fondatore e direttore dello Sbarro Institute for Cancer Research and Molecular Medicine della Temple University di Filadelfia. Questi geni “differiscono per distribuzione nelle popolazioni delle varie regioni, con un sensibile divario Nord-Sud”.

“Tra i 10 alleli, solo gli alleli Hla B44 e C01 mantenevano un'associazione positiva e indipendente con l'incidenza di Covid-19, suggerendo che queste varianti potrebbero essere permissive all'infezione virale”, ha spiegato l’esperto. La prova definitiva è stata trovata in Emilia Romagna e nelle Marche, dove “la prevalenza dell'allele B44 sembra quasi esattamente predire l'incidenza di Covid-19”, con notevoli differenze intraregionali tra una provincia e l’altra.

GUARDA ANCHE - Un virus nella mente

I risultati della ricerca potrebbero “fornire informazioni preziose per la gestione clinica dei pazienti, oltre a definire priorità nelle future campagne di vaccinazione in un modo facile ed economico”, ha dichiarato un co-autore dello studio all’Adnkronos.

Gli esperti hanno spiegato che è in corso uno “studio caso-controllo” sui pazienti di tutta Italia in cui è stata riscontrata positività all'infezione per verificare quanto è emerso dalla loro ricerca.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli