Italia markets open in 7 hours 14 minutes
  • Dow Jones

    28.308,79
    +113,37 (+0,40%)
     
  • Nasdaq

    11.516,49
    +37,61 (+0,33%)
     
  • Nikkei 225

    23.567,04
    -104,09 (-0,44%)
     
  • EUR/USD

    1,1830
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • BTC-EUR

    10.062,70
    +667,23 (+7,10%)
     
  • CMC Crypto 200

    239,54
    +0,62 (+0,26%)
     
  • HANG SENG

    24.569,54
    +27,28 (+0,11%)
     
  • S&P 500

    3.443,12
    +16,20 (+0,47%)
     

Coronavirus, disturbi psicologici: sintomi per il 65% degli italiani

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
Coronavirus, disturbi psicologici: sintomi per il 65% degli italiani (Getty Images)
Coronavirus, disturbi psicologici: sintomi per il 65% degli italiani (Getty Images)

Il lockdown per il coronavirus ha provocato disturbi psicologici nel 65% degli italiani, 63% dei britannici, 69% degli spagnoli e 50% dei tedeschi, con una media europea del 58%: a dirlo è una ricerca condotta dall'Istituto Elma Research in Francia, Germania, Gran Bretagna, Italia, Spagna, Polonia su 1000 persone, per Angelini Pharma.

Tra i sintomi citati insonnia, difficoltà a dormire o risvegli notturni (19%), mancanza di energia o debolezza (16%), tristezza o voglia di piangere (15%), paure e timori eccessivi (14%), mancanza di interesse o piacere nel fare le cose (14%), panico e attacchi di ansia (10%). Il 61% ha avuto almeno due di questi sintomi. In Italia il dato è leggermente superiore con il 67% e il 50% del campione ne ha sofferto per la prima volta (media europea 46%), mentre il 33% ha avuto un peggioramento di sintomi già preesistenti (media europea 39%).

GUARDA ANCHE - Mascherine: quando vanno messe?

Questi disturbi sono stati affrontati condividendoli con partner, familiari e amici (54% media europea, 51% in Italia), mentre solo una minoranza è ricorsa ad un professionisti, quale medico di medicina generale (18%), psicologo (11%), psichiatra (9% media europea, Italia 6%).

Solo 1 su 4 ha cercato informazioni sul tema della salute mentale collegata al Covid-19 (26%), con l'eccezione di Italia (35%) e Spagna (38%) dove le percentuali sono state più alte. Le persone hanno cercato informazioni soprattutto su internet (65%), tv (18%) e dal medico di medicina generale (18%). "Il lockdown ha inciso notevolmente sulla salute mentale delle persone, soprattutto in alcuni paesi come l'Italia", ha dichiarato Agnese Cattaneo, Global Chief Medical Officer di Angelini Pharma.

GUARDA ANCHE - Coronavirus, un metro non basta