Italia markets close in 4 hours 6 minutes

Coronavirus, Dombrovskis: "Rifocalizzeremo semestre europeo"

webinfo@adnkronos.com

I ministri delle Finanze dell'Unione europea hanno concordato oggi sulla "chiara necessità" di rifocalizzare il semestre europeo, il ciclo Ue di sorveglianza dei bilanci, per evitare di porre ulteriori "oneri" sulle spalle dei Paesi impegnati a contrastare l'epidemia di Covid-19 e per far sì che possano venire prese "misure" adeguate a far "ripartire" l'economia del Vecchio Continente, una volta passata la crisi. Lo dice il vicepresidente esecutivo della Commissione europea Valdis Dombrovskis, al termine dell'Ecofin in teleconferenza.  

Durante l'Ecofin in teleconferenza di oggi, afferma Dombrovskis, "abbiamo anche discusso il modo in cui attueremo il semestre europeo, specialmente il pacchetto di primavera: c'è la chiara necessità di una risposta di bilancio ed economica coordinata, in modo che il semestre rimanga rilevante anche in questi tempi difficili".  

Tuttavia, aggiunge, "c'è la chiara necessità di aggiustare il semestre europeo in modo sostanziale, per non porre ulteriori oneri a carico delle autorità dei singoli Paesi, e di rifocalizzarlo in primo luogo sulla risposta all'epidemia di Covid-19 e sulle potenziali misure per far ripartire l'economia in seguito". 

"Abbiamo concordato largamente su questo approccio - continua Dombrovskis - e vedremo esattamente come adottare i prossimi passi nel contesto del semestre europeo".  

Le discussioni, prosegue Dombrovskis, "si sono concentrate sulla situazione economica dopo la pandemia da Covid-19 e sulla risposta dell'Ue. Prima di tutto, abbiamo visto molto apprezzamento da parte degli Stati membri nei confronti delle misure adottate dalla Commissione per fornire tutta la flessibilità necessaria agli Stati membri, per quanto riguarda le regole di bilancio e le regole sugli aiuti di Stato".  

"Gli Stati membri - aggiunge Dombrovskis - hanno anche sottolineato la necessità che le banche continuino a finanziare l'economia. La Commissione Europea continua a lavorare a stretto contatto con le autorità nazionali per assicurare che la liquidità possa continuare a fluire nell'economia reale".  

"Abbiamo anche discusso la risposta a livello Ue, dove stiamo lavorando con la Bei sulle misure per sostenere l'economia, le pmi e attualmente stiamo anche esplorando ulteriori possibilità per strumenti basati sull'articolo 122.2 del trattato, che corrisponde alle situazioni di emergenza", dice ancora Dombrovskis.  

Per il vicepresidente, "abbiamo bisogno di una risposta a livello Ue. Il secondo punto è stato l'attivazione della clausola generale di salvaguardia, che la Commissione ha proposto. Le condizioni per attivare questa clausola sono presenti, dato che stiamo affrontando una seria recessione nell'area euro e nell'Ue nel suo complesso".  

Gli Stati membri, continua Dombrovskis, "sostengono la proposta della Commissione: gli Stati membri ora possono utilizzare la necessaria flessibilità di bilancio per rispondere alla crisi. In ogni caso, l'Ecofin di oggi ha confermato il nostro impegno a prendere tutte le misure necessarie per affrontare l'epidemia di coronavirus, incluse le sue conseguenze economiche, e in seguito a rilanciare l'economia europea", conclude.