Italia markets close in 8 hours 8 minutes

Coronavirus, Domina: lavoratori domestici assenti da Dpcm

Mlp

Roma, 13 mar. (askanews) - "Il lavoro domestico è nuovamente il grande assente nel dpcm dell' 11 marzo scorso: come si devono comportare gli oltre 2 milioni di lavoratori domestici e 2 milioni di datori di lavoro domestico?". A chiederlo è Lorenzo Gasparrini, segretario generale di Domina.

"Apprezziamo il governo e tutto lo sforzo che sta facendo in questo momento di emergenza nazionale. Tuttavia è bene che intervenga anche nel settore del lavoro domestico non lasciandoci soli nell'emergenza". Continua: "I voucher baby sitter sono stati un ottimo intervento ma oramai superati dall'evolversi degli eventi. Serve capire se i datori di lavoro domestico devono interrompere le prestazioni di lavoro senza convivenza. Bisogna attivare i contatti con mediatori culturali per spiegare agli assistenti familiari stranieri, circa il 70% del settore, cosa accade e come comportarsi. Chiediamo al Governo di comprendere anche il nostro settore come destinatari delle misure di sostegno rivolte alle aziende". L'appello del Segretario Generale di DOMINA si è rivolge anche a tutti i datori di lavoro domestico: "Sospendete il rapporto di lavoro domestico se non è necessario, si richiede a tutti un grande senso di responsabilità, lasciando a casa i propri collaboratori, continuando possibilmente a pagare la retribuzione mensile. Non licenziate".