Italia markets closed

Coronavirus, Easyjet metterà a terra maggior parte della flotta

Glv

Roma, 20 mar. (askanews) - Easyjet metterà a terra la maggior parte della sua flotta a partire dal 24 marzo per l'emergenza coronavirus. Lo comunica la compagnia aerea, sottolineando che la decisione è stata presa "a seguito delle chiusure dei vari paesi, delle restrizioni e dei cambiamenti ai consigli di viaggio su tutto il network. Continueremo a effettuare voli di rimpatrio per i clienti e prevediamo che la maggior parte delle operazioni di soccorso saranno completate entro il 23 marzo".

"Prevediamo - spiega la società - di continuare a operare un programma ridotto su alcune rotte. Questo coinvolgerà un massimo del 10% della capacità durante questo periodo dell'anno e riguarderà principalmente rotte da e verso il Regno Unito. Continueremo a riconsiderare il nostro programma di volo su base settimanale per assicurarci che risponda alla domanda attuale. Invitiamo i numerosi clienti con prenotazioni già esistenti e che non intendono viaggiare a cambiare i loro biglietti gratuitamente, in quanto questo ci permetterà di ottimizzare il nostro programma di voli in relazione alla domanda".

"L'industria del trasporto aereo - sostiene l'amministratore delegato Johan Lundgren - sta vivendo un momento senza precedenti. Continueremo a effettuare voli di rimpatrio nei prossimi giorni perchè sappiamo quanto sia importante per le persone poter tornare a casa. Ridurre in modo significativo il nostro programma di volo è la cosa giusta da fare dal momento che molti Paesi hanno esortato i loro cittadini a non viaggiare se non per viaggi strettamente necessari. Mettere a terra parte degli aerei consentirà di limitare sensibilmente i costi variabili, e questo ora è cruciale".