Italia markets close in 5 hours 54 minutes

Coronavirus, economia: Trump chiude all’Europa, Bce oggi decide aiuti

Fabio Carbone

Con un messaggio alla nazione molto breve, il presidente degli Stati Uniti d’America Donald Trump ha informato gli statunitensi di aver sospeso tutti i voli aerei adibiti al trasporto persone provenienti dall’Europa per 30 giorni, a partire dalla mezzanotte di venerdì 13 marzo.

Una decisione senza precedenti che non si applica alle merci, quindi i voli degli aerei cargo dall’Europa proseguiranno per garantire il regolare commercio da e per gli USA.

Le restrizioni non si applicano al Regno Unito che pure ha casi positivi di Covid-19.

Secondo Trump è colpa dell’Europa se si è arrivati a questa decisione, perché non avrebbe saputo limitare gli arrivi dalla Cina.

Il presidente dell’Unione Europea Charles Michel ha già annunciato via Twitter che ci sarà una valutazione riguardo la decisione di Trump per valutare la situazione, perché va evitata “la distruzione dell’economia”. Ed ha risposto indirettamente all’accusa di Trump sul contenimento:

“L’Europa sta prendendo tutte le misure necessarie per contenere la diffusione di Covid-19. Per limitare il numero di infettati e nel supporto alla ricerca.

Attesa per le decisioni della Bce

Mentre Trump isola l’Europa, in un mondo sempre più bloccato dal nuovo virus, la Banca Centrale Europea con a capo Christine Lagarde oggi si riunirà per valutare la situazione presente e decidere gli aiuti necessari non solo per l’economia italiana, ma per l’economia dell’intera Ue.

Sì, perché se è vero che l’Italia vive un contagio secondo solo alla Cina, è anche vero che siamo in anticipo di circa 2 settimane rispetto all’esplosione del contagio nel resto d’Europa. Questa è una pandemia e da questo punto di vista finalmente il WHO lo ha ammesso: non è l’Italia “l’untore d’Europa”!

A rischio, quindi, c’è l’economia di tutta l’Ue e la scelta di Trump ora lo rende ancor più evidente.

Quali decisioni potrà prendere la Bce?

Ieri la Bank of England ha tagliato i tassi d’interesse sul pound, in precedenza lo aveva fatto la Us Fed di Jerome Powell. Adesso è il turno della Bce prendere le sue decisioni a favore della politica monetaria europea. Anche se di margine c’è né poco, il tasso d’interesse sui conti di deposito è già a -0,50%.

Un aiuto per l’Europa e non per l’Italia si diceva, e tale aiuto significherà principalmente iniezione di liquidità, probabilmente con un Tltro straordinario “targeted” riporta Il Sole 24 Ore.

30 miliardi? 50 miliardi? Cifre. La verità la sapremo tra poche ore.

La liquidità deve andare alle imprese

E questa volta le banche e l’intero sistema finanziario, se Lagarde ne avrà il coraggio, potrebbero restare a bocca asciutta, perché la governatrice della EuroTower vuole che i fondi arrivino ai “capillari dell’economia” europea, ovvero direttamente alle imprese che ne hanno bisogno.

Non si vuole, questa volta, che i miliardi di euro (come dei precedenti Tltro) vengano parcheggiati nei conti delle banche per farne redditività.

I settori che ci guadagnano

Non tutti i settori ci stanno perdendo e come investitori è bene saperlo. Il settore Farmaceutico, il settore più in generale Sanitario, ottengono ricavi molto alti. Alcune piccole imprese italiane specializzate quest’anno triplicheranno il loro fatturato perché producono ventilatori o sofisticati letti per le sale di terapia intensiva degli ospedali.

Anche il settore degli alimentari è stato spinto un po’ verso l’alto dalla paura che ha scatenato la corsa agli acquisti. Ne guadagnano le aziende produttrici di detergenti e prodotti per la disinfezione.

E il settore dell’elettronica, lo smart working ha spinto all’acquisto di dispositivi per lavorare a distanza.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: