Italia markets closed

Coronavirus,Emirates:no tagli personale ma salari ridotti per 3 mesi

Mlp

Roma, 23 mar. (askanews) - Riduzione dei salari di base, del 25-50%, per i prossimi tre mesi ma nessun taglio al personale. Lo ha reso noto il Gruppo Emirates spiegando che l'obiettivo della Compagnia aerea è stato quello di mantenere operativi i voli passeggeri il più a lungo possibile, al fine di aiutare i viaggiatori a fare ritorno alle proprie case, proprio mentre divieti di viaggiare, restrizioni e blocchi iniziavano ad essere applicati dai paesi di tutto il mondo.

Emirates continua a mantenere operative le operazioni cargo internazionali, vitali per le economie e le comunità dei paesi, impegnando la sua flotta di Boeing 777 nel trasporto di merci essenziali, incluse le forniture mediche.

Anche dnata, in conseguenza della drastica riduzione dei voli o dello stop totale delle operazioni eseguito da molte delle compagnie aeree sue clienti, ha ridotto in modo significativo la propria attività, chiudendo anche alcuni uffici del suo network internazionale.

Lo Sceicco Ahmed bin Saeed Al Maktoum, Chairman e Chief Executive del Gruppo Emirates ha dichiarato: "Tutto il mondo è letteralmente entrato in quarantena a causa della pandemia da COVID-19. Si tratta di una situazione di crisi senza precedenti in termini di scala e portata, dal punto di vista geografico, sanitario, sociale ed economico. Fino a gennaio del 2020, il Gruppo Emirates stava centrando gli obiettivi finanziari prefissati, ma il COVID-19 ha imposto una brusca e dolorosa frenata nel corso delle ultime sei settimane. In qualità di Compagnia aerea internazionale, fino a quando i paesi non riapriranno le loro frontiere ed i viaggi torneranno ad essere sicuri, siamo impossibilitati a gestire in maniera efficiente il servizio passeggeri. Per questa ragione, da mercoledì 25 marzo, Emirates sospenderà la maggior parte dei voli passeggeri, pur mantenendo normalmente operativi i voli cargo. Continuiamo a monitorare da vicino l'evolversi della situazione e, non appena sarà possibile, ripristineremo tutti i nostri servizi".

Dopo aver ricevuto diverse richieste da parte dei governi e dei clienti per continuare supportare le operazioni di rimpatrio dei viaggiatori, Emirates continuerà ad operare i voli passeggeri e merci nei seguenti paesi, almeno fino a quando le frontiere resteranno aperte e ci sarà l'autorizzazione delle istituzioni: Regno Unito, Svizzera, Hong Kong, Tailandia, Malesia, Filippine, Giappone, Singapore, Corea del Sud, Australia, Sudafrica, Stati Uniti e Canada. Tuttavia, essendo la situazione in costante divenire, i viaggiatori sono invitati a controllare lo stato dei voli tramite il sito web emirates.com.(Segue)