Italia markets open in 1 hour 20 minutes

Coronavirus, Fitoussi: "L'Italia non rischia il declino"

webinfo@adnkronos.com

"L'emergenza coronavirus avrà senz'altro degli effetti negativi sulla crescita economica italiana ma questo fenomeno avrà effetti transitori. Non è un fenomeno che porterà a un declino italiano o del mondo". Ad affermarlo all'Adnkronos è l'economista francese Jean-Paul Fitoussi, docente all'istituto di studi politici di Parigi e all'Università Luiss di Roma in merito alle possibili ripercussioni sulla crescita dell'Italia dell'emergenza coronavirus. "E' chiaro che questa emergenza rallenterà la crescita italiana perché avrà effetto sull'attività. Le persone sono costrette a rimandare incontri, scambi e questo provocherà un calo dell'attività in Italia ma anche nel mondo", sottolinea Fitoussi evidenziando che la settimana prossima un suo incontro in agenda a Torino è stato annullato. "Questa emergenza fa paura perché riguarda la salute delle persone. C'è una preoccupazione più psicologica". 

"In passato ci sono stati così tanti fenomeni - dalla mucca pazza all'epidemia della Sars, dagli tsunami all'11 settembre - che avrebbero potuto contribuire ad una decrescita economica rapida a livello globale ma così non è stato. Questi fenomeni non durano un'eternità. Penso che si dovrebbe trovare una soluzione nelle prossime settimane a questo problema della pandemia se pandemia sarà", spiega ancora Fitoussi. Comunque, osserva l'economista, "non è una buona notizia ma non è una notizia che metterà in ginocchio l'Italia o il mondo occidentale". 

Quello che "è molto più preoccupante", sostiene Fitoussi, "è il mancato accordo sul bilancio Ue. Questo avrà delle ripercussioni nel lungo termine e sarà durevole. E' più preoccupante questo".