Italia markets open in 5 hours 20 minutes
  • Dow Jones

    30.046,24
    +454,97 (+1,54%)
     
  • Nasdaq

    12.036,79
    +156,15 (+1,31%)
     
  • Nikkei 225

    26.606,54
    +440,95 (+1,69%)
     
  • EUR/USD

    1,1906
    +0,0010 (+0,08%)
     
  • BTC-EUR

    15.902,17
    -124,80 (-0,78%)
     
  • CMC Crypto 200

    375,43
    +5,68 (+1,54%)
     
  • HANG SENG

    26.942,98
    +354,78 (+1,33%)
     
  • S&P 500

    3.635,41
    +57,82 (+1,62%)
     

Coronavirus, Forum PA: per 57% italiani ora la P.A. è più digitale

Mlp
·1 minuto per la lettura

Roma, 2 nov. (askanews) - Dalla crisi Covid 19, l'Italia uscirà con una Pubblica Amministrazione più digitale, efficiente e moderna, con maggiori servizi pubblici online e più innovazione anche grazie alla diffusione dello smart working. A credere in questo cambiamento sono i dipendenti pubblici, ma anche i cittadini, che nel 57% dei casi evidenziano già oggi un miglioramento nella P.A. digitale e nel 53% vedono nel lavoro agile un'opportunità per innovare l'amministrazione. Anche chi lavora nella P.A. promuove lo smartworking, ma crede serva ancora un salto di qualità per un maggiore orientamento al risultato e una migliore comunicazione interna. Sono alcuni dei risultati della ricerca "La P.A. oltre il Covid" realizzata da Fpa, società del gruppo Digital360, presentata oggi in apertura di "Forum P.A. 2020 Restart Italia", l'evento digitale che prende il via oggi e proseguirà fino a venerdì prossimo, per cinque giorni di confronto in diretta streaming sul tema della ripartenza del Paese dopo l'emergenza. L'amministrazione pubblica deve prepararsi a gestire la grande mole di risorse che arriveranno dal Recovery Fund: è opinione condivisa - dal 50% degli utenti e dal 60% dei dipendenti pubblici - che la gestione dei fondi europei dovrà essere centralizzata con una cabina di regia, ma che servono anche nuovi profili professionali qualificati per gestire al meglio i progetti. E per gli italiani le risorse europee devono andare prioritariamente alla salute e poi istruzione-formazione.