Italia markets open in 8 hours 54 minutes

Coronavirus, Giansanti: su merci serve coordinameno Ue

Mlp

Roma, 13 mar. (askanews) - "Sembra ormai inevitabile il blocco della libera circolazione delle persone all'interno della UE, alla luce delle decisioni che altri Stati membri stanno assumendo in queste ore per contrastare l'emergenza coronavirus. E' però indispensabile un coordinamento a livello europeo e la definizione di misure comuni, per garantire la circolazione delle merci e la tutela sanitaria degli operatori coinvolti nei trasporti". A sottolinearlo è il presidente di Confagricoltura, Massimiliano Giansanti

"Voglio ringraziare il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per il messaggio di ieri con il quale ha puntualizzato che l'Italia si aspetta dall'Europa solidarietà e non ostacoli".

"In una situazione tanto difficile - prosegue Giansanti - al di là della retorica, l'Unione europea ha il dovere di essere vicina, in modo tangibile, ai cittadini e al mondo economico. Vedremo nei prossimi giorni quali saranno le iniziative straordinarie, per gestire e limitare le conseguenze della crisi e per supportare lavoratori e imprese".

"Sarebbe deludente se non si riuscisse a varare un programma ambizioso e in linea con l'ammontare delle risorse che altri Stati membri hanno mobilitato in passato, per scongiurare il crollo del sistema finanziario e bancario".

"Per quanto riguarda l'agricoltura - conclude il presidente di Confagricoltura - rilanciamo alla Commissione Ue la richiesta di iniziative idonee a compensare i mancati redditi e i settori produttivi più colpiti dalla crisi. La normativa europea prevede alcuni strumenti di intervento come, ad esempio, gli ammassi. Non c'è tempo da perdere".

Confagricoltura ricorda che è a disposizione una riserva finanziaria per le crisi dei mercati agricoli con una dotazione di circa 450 milioni di euro.