Italia markets open in 4 hours 24 minutes
  • Dow Jones

    30.960,00
    -36,98 (-0,12%)
     
  • Nasdaq

    13.635,99
    +92,93 (+0,69%)
     
  • Nikkei 225

    28.641,13
    -181,16 (-0,63%)
     
  • EUR/USD

    1,2146
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • BTC-EUR

    26.350,29
    -305,87 (-1,15%)
     
  • CMC Crypto 200

    646,44
    -30,46 (-4,50%)
     
  • HANG SENG

    29.542,37
    -616,64 (-2,04%)
     
  • S&P 500

    3.855,36
    +13,89 (+0,36%)
     

Coronavirus, il contributo dei superdiffusori nella propagazione del contagio

·2 minuto per la lettura
Covid, per prevenire i contagi si deve agire su luoghi e comportamenti
Covid, per prevenire i contagi si deve agire su luoghi e comportamenti

L’andamento italiano della pandemia di coronavirus in questi ultimi mesi è un ottimo esempio di come per poter controllare al meglio la diffusione del contagio sia necessario intervenire su quei luoghi che per loro caratteristiche intrinseche agevolano comportamenti in contrasto con le norme anti Covid. Prendendo soltanto in considerazione l’impennata di nuovi casi avvenuta a seguito della riapertura delle scuole appare ad esempio logico vedere nei trasporti pubblici una delle cause che hanno contribuito maggiormente allo stato emergenziale della seconda ondata.

Covid, focus su luoghi e comportamenti

Gli istituti scolastici italiani si mostrano infatti uno dei luoghi più sicuri per la popolazione, con soltanto il 3,5% dei focolai totali emersi nel nostro Paese, cifra decisamente diversa da quella registrata ad esempio in Francia dove i cluster emersi nelle scuole e nelle università rappresentano il 33% del totale. A contribuire all’innalzamento dei casi in Italia è pertanto il percorso casa-scuola-casa effettuato con i mezzi pubblici, all’interno dei quali spesso è impossibile mantenere un adeguato distanziamento o anche solo un ricambio dell’aria.

Rimangono luoghi a rischio per la diffusione del contagio anche tutti quelli rimasti vittime delle restrizioni anti coronavirus, come bar, ristoranti e palestre: cioè luoghi che per loro natura impongono agli avventori di non utilizzare la mascherina e di attuare comportamenti a rischio come mangiare, bere e respirare forzatamente in presenza di altre persone, pur con tutte le precauzioni del caso. Emblematico in tal senso è il focolaio di coronavirus emerso tra i membri dell’orchestra del Teatro alla Scala di Milano, dove ad essere contagiati per primi sono stati proprio i coristi, cioè coloro che per lavoro utilizzano la bocca stando per giunta molto vicini tra loro.