Italia Markets close in 6 hrs 45 mins
  • FTSE MIB

    18.771,88
    -173,26 (-0,91%)
     
  • Dow Jones

    27.685,38
    -650,19 (-2,29%)
     
  • Nasdaq

    11.358,94
    -189,34 (-1,64%)
     
  • Nikkei 225

    23.485,80
    -8,54 (-0,04%)
     
  • Petrolio

    38,86
    +0,30 (+0,78%)
     
  • BTC-EUR

    11.093,85
    -7,45 (-0,07%)
     
  • CMC Crypto 200

    260,58
    -2,83 (-1,07%)
     
  • Oro

    1.901,50
    -4,20 (-0,22%)
     
  • EUR/USD

    1,1815
    +0,0001 (+0,0118%)
     
  • S&P 500

    3.400,97
    -64,42 (-1,86%)
     
  • HANG SENG

    24.787,19
    -131,59 (-0,53%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.078,36
    -26,89 (-0,87%)
     
  • EUR/GBP

    0,9069
    +0,0003 (+0,04%)
     
  • EUR/CHF

    1,0726
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,5576
    -0,0016 (-0,11%)
     

Coronavirus, il sintomo che non sparisce: nuova scoperta

Primo Piano
·2 minuti per la lettura

Un affaticamento persistente anche molto tempo dopo la guarigione da Covid-19: è questo il sintomo che molti pazienti riscontrano. A fare luce sulla questione, è una ricerca irlandese destinata a cambiare la valutazione sulle conseguenze del virus.

"Le conseguenze a medio e lungo termine dell'infezione rimangono inesplorate", ha dichiarato nello studio irlandese il dottor Liam Townsend, del St James Hospital (Dublino).

Allo studio hanno partecipato 128 persone la cui età media è 50 anni e il 52% (67 su 128) ha riferito di soffrire ancora di un affaticamento persistente dieci settimane dopo la guarigione clinica, indipendentemente dalla gravità dell'infezione iniziale oltre che dall'età.

GUARDA ANCHE - Nuovo lockdown in Israele, chiudono scuole

Tra i partecipanti, 71 erano state ricoverati in ospedale e 57 avevano invece avuto una forma lieve della malattia, curata quindi a casa e senza bisogno di ricovero.

Gli studiosi hanno scoperto che non c'erano differenze fra i pazienti ricoverati e quelli che si erano curati a casa. "L’affaticamento si è verificato indipendentemente dal ricovero ospedaliero, colpendo allo stesso modo entrambi i gruppi", ha spiegato il dottor Townsend.

Per quanto riguarda il genere dei pazienti, le donne che rappresentavano poco più della metà delle partecipanti allo studio (54%), invece erano i due terzi di quelle affette da stanchezza persistente (67%). Maggiori probabilità di provare affaticamento anche per le persone con una storia di ansia o depressione.

"I nostri risultati - hanno spiegato gli autori - dimostrano un carico significativo di stanchezza post-virale nelle persone che hanno avuto un'infezione da Sars-CoV-2 dopo la fase acuta della malattia", sottolineano. Per curare questa grave conseguenza della malattia, servirebbero un "intervento precoce" e l'uso di metodi "non farmacologici" adattati alle esigenze dei singoli pazienti.

Sui social network, intanto, si sono già formate comunità che con l'hashtag #longCovid e #Covidlong si scambiano informazioni sui sintomi persistenti, in particolare la stanchezza, più di un mese dopo essere guariti.

GUARDA ANCHE - “Il coronavirus diventerà stagionale”