Italia markets close in 3 hours 43 minutes
  • FTSE MIB

    21.906,69
    -181,67 (-0,82%)
     
  • Dow Jones

    30.996,98
    -179,02 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    13.543,06
    0,00 (0,00%)
     
  • Nikkei 225

    28.822,29
    +190,84 (+0,67%)
     
  • Petrolio

    52,31
    +0,04 (+0,08%)
     
  • BTC-EUR

    27.667,62
    +177,90 (+0,65%)
     
  • CMC Crypto 200

    680,47
    +3,57 (+0,53%)
     
  • Oro

    1.862,20
    +6,00 (+0,32%)
     
  • EUR/USD

    1,2155
    -0,0019 (-0,16%)
     
  • S&P 500

    3.841,47
    -11,60 (-0,30%)
     
  • HANG SENG

    30.159,01
    +711,16 (+2,41%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.572,33
    -30,08 (-0,83%)
     
  • EUR/GBP

    0,8885
    -0,0007 (-0,08%)
     
  • EUR/CHF

    1,0770
    -0,0000 (-0,00%)
     
  • EUR/CAD

    1,5460
    -0,0039 (-0,25%)
     

Coronavirus, Istat: frena ripresa a fine 2020, aspettative incerte

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 13 gen. (askanews) - Economia in frenata e aspettative molto incerte per i prossimi mesi. Nelle ultime settimane del 2020, "il riacutizzarsi dei contagi ha reso necessarie nuove misure di contenimento che hanno frenato la ripresa economica internazionale". Il lockdown in molti casi è stato parziale, "determinando effetti eterogenei tra paesi e settori produttivi. In Italia, gli indicatori congiunturali "hanno mostrato un'evoluzione in linea con quella dell'area euro". E' la fotografia scattata dall'Istat nella nota mensile sull'andamento dell'economia italiana.

A novembre, la produzione industriale e le vendite al dettaglio hanno segnato una flessione. Sotto l'ipotesi che a dicembre i livelli di produzione industriale si mantengano uguali a quelli di novembre, il quarto trimestre registrerebbe quindi una contenuta flessione rispetto al trimestre precedente (-0,8%).

Segnali positivi hanno caratterizzato l'andamento del mercato del lavoro, con una ripresa della tendenza all'aumento dell'occupazione a cui si è accompagnata una decisa riduzione della disoccupazione.

A fine anno, si è attenuata la fase deflativa dei prezzi al consumo, come effetto di una minore deflazione per i beni energetici e di una moderata ripresa della core inflation. Le aspettative per i prossimi mesi mantengono "un elevato grado di incertezza", ma a dicembre la fiducia di famiglie e imprese ha registrato un miglioramento.

Mlp