Italia markets close in 4 hours 44 minutes
  • FTSE MIB

    24.600,13
    +71,44 (+0,29%)
     
  • Dow Jones

    34.035,99
    +305,10 (+0,90%)
     
  • Nasdaq

    14.038,76
    +180,92 (+1,31%)
     
  • Nikkei 225

    29.683,37
    +40,68 (+0,14%)
     
  • Petrolio

    63,47
    +0,01 (+0,02%)
     
  • BTC-EUR

    50.546,04
    -2.169,87 (-4,12%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.344,98
    -35,97 (-2,60%)
     
  • Oro

    1.775,90
    +9,10 (+0,52%)
     
  • EUR/USD

    1,1992
    +0,0016 (+0,13%)
     
  • S&P 500

    4.170,42
    +45,76 (+1,11%)
     
  • HANG SENG

    28.969,71
    +176,57 (+0,61%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.015,25
    +21,82 (+0,55%)
     
  • EUR/GBP

    0,8691
    +0,0008 (+0,09%)
     
  • EUR/CHF

    1,1014
    -0,0019 (-0,17%)
     
  • EUR/CAD

    1,4990
    -0,0020 (-0,13%)
     

Coronavirus, l’oncologo Ascierto commenta due nuovi studi

·1 minuto per la lettura
Paolo Ascierto
Paolo Ascierto

Il professore Paolo Ascierto, oncologo dell’Istituto Tumori di Napoli, ha parlato di alcuni studi pubblicati dal British Medical Journal in merito al Coronavirus. Secondo l’esperto, che analizza appunto le ricerche di carattere scientifico, “basterebbe anche una sola dose del vaccino anti-Covid a base di RNA – attualmente ci sono soltanto Pfizer-BioNTech e Moderna in Italia – per chi ha già avuto il Covid-19”.

Coronavirus, il commento di Ascierto

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Ascierto ha scritto un post su Facebook per commentare appunto i risultati degli studi. “Il primo studio afferma che gli individui sieropositivi al virus hanno avuto una risposta immunitaria rapida dopo solo la prima dose di vaccino, che fosse quello Pfizer-BioNTech o quello Moderna”.

Il secondo studio è opera dell’Università del Maryland che ha analizzato altri aspetti collegati al virus. “Sono state valutate le risposte immunitarie di 59 operatori sanitari con una singola dose dei vaccini Pfizer-BioNTech e Moderna. Quelli di coloro che avevano già superato un’infezione, hanno mostrato livelli statisticamente significativi di anticorpi rispetto a chi invece non aveva subito alcuna infezione”. In caso di conferma dei risultati si tratterebbe quindi di “una opzione percorribile per risolvere problemi legati alla fornitura e alla somministrazione dei vaccini”.

Valutazioni in corso

Nel frattempo il Comitato tecnico scientifico sta valutando altre possibili misure restrittive per frenare l’avanzata del virus e ingranare la campagna di vaccinazione. Sono diverse le piste che potrebbero valutare gli esperti. Quella più drastica prevede una super zona rossa in tutta Italia per tre o quattro settimane con coprifuoco anticipato e spostamenti vietati con pochissime eccezioni riguardanti salute, lavoro o necessità.