Italia markets close in 1 hour 58 minutes
  • FTSE MIB

    22.151,27
    +143,87 (+0,65%)
     
  • Dow Jones

    30.041,88
    +72,36 (+0,24%)
     
  • Nasdaq

    12.398,92
    +21,74 (+0,18%)
     
  • Nikkei 225

    26.751,24
    -58,13 (-0,22%)
     
  • Petrolio

    45,76
    +0,12 (+0,26%)
     
  • BTC-EUR

    15.690,70
    -165,44 (-1,04%)
     
  • CMC Crypto 200

    374,46
    -4,79 (-1,26%)
     
  • Oro

    1.848,40
    +7,30 (+0,40%)
     
  • EUR/USD

    1,2167
    +0,0018 (+0,15%)
     
  • S&P 500

    3.677,32
    +10,60 (+0,29%)
     
  • HANG SENG

    26.835,92
    +107,42 (+0,40%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.524,51
    +7,41 (+0,21%)
     
  • EUR/GBP

    0,8987
    -0,0039 (-0,43%)
     
  • EUR/CHF

    1,0811
    -0,0009 (-0,08%)
     
  • EUR/CAD

    1,5595
    -0,0022 (-0,14%)
     

Coronavirus: le Province a Conte, 'apriamo un tavolo, su cantieri più forti dei comuni'

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

Un tavolo con il governo per aprire al più presto il fronte dei cantieri. Le province italiane lo chiedono al premier Giuseppe Conte, dati alla mano e forti dei risultati sul fronte del supporto sanitario conseguiti soprattutto durante la prima ondata di Coronavirus. ''abbiamo fatto un monitoraggio attento sulle opere che si possono fare e lo abbiamo inviato al governo -dice all'Adnkronos Vittorio Poma responsabile Infrastrutture dell'Upi, Unione Province italiane- chiediamo l'apertura di un tavolo perchè come province abbiamo un patrimonio viabilistico sterminato e possiamo iniziare a cantierare in poco tempo, e abbiamo dimostrato di avere un grado di utilizzazione delle risolse superiore a quelle dei comuni. Le province -sottolinea-possono essere un volano fondamentale e lo sviluppo locale può diventare uno dei motori di per rilanciare il nostro paese''.

Al governo le Province chiedono un piano straordinario di investimento e riqualificazione di questa rete e che siano poi precisate meglio ''alcune funzioni'' che avrebbero potuto rivelarsi utili nella prima fase dell'emergenza partendo dal fatto ''che l'Italia è fatta da migliaia di comuni che molto spesso fanno fatica a dialogare con le Regioni e hanno bisogno di un interlocutore intermedio''. Poma porta ad esempio la gestione dell'emergenza sanitaria ''noi non abbiamo più un ruolo con il sistema sanitario, ma se avessimo avuto competenze di raccordo nella gestione del servizio il bilancio della prima ondata sarebbe stato diverso''.

Difficile quantificare in numeri, ma secondo Poma ''sarebbe importante che il codice del terzo settore restituisse alla Provincia un ruolo e una funzione centrale di collegamento tra istituzioni locali e autonomie locali e istituzioni sanitarie.In questo momento ad esempio sarebbe di grande aiuto per cercare di mettere a disposizione personale alle ats che non ne hanno abbastanza. Coordinare il rapporto tra Ats, Rsa e comuni diventa fondamentale e nella prima fase, questa mancanza di coordinamento ha accelerato la diffusione del virus''. E nonostante un ruolo ''di cursore in questa emergenza, le province sul fronte sanitario hanno fatto molto, fiancheggiando tutta una serie di attività che sono andate a integrare gli sforzi per assistere le persone e la macchina organizzativa''.