Italia markets closed

Coronavirus, ministri industria Ue: aumentare dispositivi medici

Loc

Bruxelles, 21 mar. (askanews) - Occorrono soluzioni innovative per aumentare l'offerta da parte dell'industria europea di dispositivi medici e protettivi per lottare contro l'epidemia del Covid-19, e in particolare il ricorso alle tecnologie della stampa 3D, la riconversione della produzione tessile per fabbricare mascherine e tute di protezione, piattaforme digitali per collegare capacità produttiva ed esigenze.

Ne hanno parlato ieri pomeriggio in videoconferenza i ministri dell'industria dell'Ue (Consiglio Compet), nel quadro di una discussione sull'impatto dell'epidemia di Covid-19 sull'industria europea e sul mercato interno.

Per la Commissione europea ha partecipato il commissario al Mercato unico e alla digitalizzazione Thierry Breton. Sulla base della sua presentazione, i ministri hanno discusso sulle politiche più appropriate necessarie per aumentare la capacità dei dispositivi medici e di protezione, valutare le esigenze aggregate e l'offerta e la domanda corrispondenti, fare in modo che i dispositivi raggiungano coloro che ne hanno bisogno.

I ministri, secondo quanto riferisce una nota della Commissione, hanno concordato sull'importanza di un mercato unico ben funzionante e sulla necessità di un coordinamento dell'Ue, e hanno discusso delle soluzioni innovative per aumentare la produzione nel settore dei dispositivi medici e di produzione (stampa 3D, conversione della produzione tessile, piattaforme digitali), di come evitare interruzioni della catena di approvvigionamento e del modo in cui affrontare l'impatto economico dell'epidemia sulle imprese.

"Abbiamo la responsabilità collettiva di mobilitare tutti gli strumenti a nostra disposizione per rispondere all'epidemia. Dobbiamo assicurarci - ha affermato Breton - che i nostri operatori sanitari e pazienti abbiano accesso a maschere, altri dispositivi di protezione e attrezzature mediche come i ventilatori polmonari".

"La vita dei nostri cittadini e la nostra economia sono in gioco, se non riusciremo a far fronte insieme alla crisi del Covid-19. Dobbiamo agire con urgenza, solidarietà e audacia", ha concluso il commissario.