Italia markets closed

Coronavirus, Mise: Cura Italia primo passo per aiutare le imprese

Mlp

Roma, 17 mar. (askanews) - Il Dl Cura Italia rappresenta un primo passo per aiutare le imprese. "In questo momento così difficile per il sistema imprenditoriale italiano, il lavoro del Mise è stato ispirato ad obiettivi molto chiari: assicurare la massima liquidità al sistema d'impresa; tutelare al massimo imprese e lavoratori, dipendenti, autonomi e professionisti; dare certezza e fiducia alle imprese ed ai lavoratori in questo passaggio. Ognuno dei risultati ottenuti nel dl Cura Italia su questi punti è molto perché fa parte di uno sforzo unico nella nostra storia per rilanciare l'economia ed assicurare il supporto pubblico all'impresa". Così il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, il viceministro Stefano Buffagni e i sottosegretari Mirella Liuzzi, Gian Paolo Manzella, Alessia Morani e Alessandra Todde, con riferimento alle disposizioni relative alle imprese contenute nel Decreto legge Cura Italia.

"Ma siamo consapevoli - hanno osservato - che è un primo passo, perché il momento è difficile e i bisogni del sistema economico e imprenditoriale enormi. Siamo però soddisfatti che il Fondo Centrale di Garanzia sia stato rafforzato quantitativamente, reso più flessibile e vicino alle imprese; che la Cig sia stata estesa sino alle imprese con 1 lavoratore così da ampliare la platea delle persone tutelate; che i lavoratori autonomi e i professionisti abbiano visto aumentate le risorse previste per indennizzarli, in parte almeno, delle difficoltà che stanno attraversando; che la rete di telecomunicazioni sia stata messa in condizione di affrontare i carichi dei prossimi giorni; che le donazioni delle imprese per contrastare il Civid19 siano da oggi interamente deducibili. Siamo consapevoli del fatto che c'è ancora molto da fare e nei prossimi atti normativi in preparazione torneremo ad intervenire su questi ed altri temi cruciali per il futuro della nostra impresa. Intanto noi continuiamo il nostro lavoro, ascoltando le categorie e le voci dell'impresa, con tutta la determinazione, la serietà e l'unità di cui siamo capaci e di cui l'Italia e la sua impresa oggi hanno bisogno".