Italia markets open in 8 hours 10 minutes

Coronavirus, Netflix e YouTube riducono la qualità video per non intasare la rete

Antonio Cardarelli
Coronavirus, Netflix e YouTube riducono la qualità video per non intasare la rete

I due giganti tech hanno accolto la richiesta dell’Unione Europea. Addio a video in alta risoluzione per almeno 30 giorni per non congestionare la rete in tempi di coronavirus

Meno video in alta risoluzione, più banda a disposizione per tutti. Netflix e YouTube hanno accettato la richiesta avanzata dal commissario Ue Thierry Breton per non rallentare troppo la connessione internet.

SERVE PIÙ BANDA

I video in alta definizione, ormai largamente diffusi sul web, occupano un’elevata banda di trasmissione. Ma in tempi di coronavirus la connessione a internet è diventata cruciale per lavorare, studiare e per mandare avanti – per quanto possibile – le macchine amministrative e istituzionali. Da qui la richiesta, accolta prima da Netflix e poi da Google, di liberare una parte della banda riducendo la qualità dei video.

NETFLIX E YOUTUBE ABBASSANO LA DEFINIZIONE

“Ci siamo impegnati a trasferire temporaneamente tutto il traffico nell'Ue alla definizione standard predefinita – ha fatto sapere Google, proprietaria di YouTube, in una nota - E questo perché le persone vengono su YouTube per trovare notizie autorevoli, apprendere contenuti e stabilire connessioni in questi tempi incerti. Anche se abbiamo registrato solo alcuni picchi di utilizzo, abbiamo implementato le misure per regolare automaticamente il nostro sistema in modo da utilizzare una capacità di rete inferiore”.

Whatsapp ora si usa anche per la ricetta del medico

Whatsapp ora si usa anche per la ricetta del medico

PROVVEDIMENTO TEMPORANEO

Sia Netflix che YouTube, per almeno 30 giorni, ridurranno la qualità delle trasmissioni in Europa per prevenire la congestione di internet. Secondo Netflix, questa decisione libererà almeno il 25% della banda disponibile.

LA SODDISFAZIONE DELL’UE

"Accolgo con grande favore l'iniziativa che Google ha preso per preservare il corretto funzionamento di Internet durante la crisi di Covid-19", ha commentato il commissario Ue all'industria Thierry Breton in una nota.