Italia markets open in 7 hours 29 minutes

Coronavirus, "a rischio fino a 25 milioni di posti di lavoro nel mondo"

webinfo@adnkronos.com

A rischio dai 5,3 milioni ai 24,7 milioni di posti di lavoro. A sostenerlo è l'Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo) che ha fatto le sue stime considerando uno scenario ottimistico e uno più pessimista. Secondo l'organizzazione internazionale "una risposta coordinata delle politiche economiche a livello internazionale come durante la crisi 2008-2009 potrebbe permettere di ridurre l'impatto dell'emergenza coronavirus sulla disoccupazione globale". 

Quindi, sostiene l'Ilo, ai 188 milioni di disoccupati nel mondo nel 2019 si potrebbero aggiungere dai 5,3 ai 24,7 mln di disoccupati in più a secondo delle misure messe in campo dai governi. La crisi finanziaria internazionale del 2008-2009 aveva provocato un aumento di 22 milioni di disoccupati a livello globale. 

Per l'organizzazione internazionale il calo dei posti di lavoro dovrebbe comportare anche ad una riduzione forte dei redditi dei lavoratori. Lo studio stima una riduzione che potrebbe essere compresa tra 860 miliardi di dollari a 3,4 bilioni di dollari entro la fine del 2020. "Questo si tradurrà in un calo dei consumi in beni e servizi e avrà un impatto sulle prospettive delle aziende e delle economie". L'Ilo inoltre stima che tra 8,8 e 3,5 mln di persone in più nel mondo si troveranno nella situazione di "lavoratori poveri" rispetto alla previsione iniziale per il 2020 che prevedeva un calo di 14 milioni a livello mondiale.