Italia markets closed

Coronavirus, Scarpe&Scarpe chiede il concordato preventivo

Prs/Glv

Torino, 7 apr. (askanews) - L'azienda Scarpe&Scarpe ha presentato il 4 aprile istanza di concordato preventivo alla sezione fallimentare del tribunale di Torino. Lo rende noto la Fisascat Cisl Torino-Piemonte. Sono 1.800 i dipendenti a livello nazionale su 153 punti vendita, di cui circa 400 in Piemonte (27 a tempo determinato), che hanno ricevuto a oggi solo il 60% della retribuzione di febbraio e sono in attesa di percepire il saldo e i giorni lavorati a marzo.

"L'azienda - spiegano Stefania Zullo e Cristiano Montagnini della Fisascat - pur avendo raggiunto l'accordo della cassa integrazione in deroga a livello nazionale, non ha saldato la quota restante ai suoi dipendenti. Siamo seriamente preoccupati per le difficoltà economiche che stanno affrontando i lavoratori, che ignorano i tempi di pagamento da parte dell'Inps della cassa integrazione".

"Oltre a esigere dall'azienda - aggiungono i sindacalisti - garanzie occupazionali e retributive, chiediamo rispetto e attenzione verso i suoi dipendenti, che hanno sempre dimostrato massima dedizione e fiducia".