Italia markets open in 7 hours 43 minutes

Coronavirus, Slc-Cgil ad Agcom: sospendere servizi postali

Vis

Roma, 17 mar. (askanews) - La Slc-Cgil scrive all'Agcom chiedendo la sospensione dei servizi postali, ritenuti non essenziali, per 15 giorni dopo la morte due dipendenti per coronavirus in provincia di Bergamo. Il sindacato esprime anche "profondo cordoglio" per la morte dei due lavoratori. "Chiediamo con forza - scrive la Slc - che l'autorità deliberi la temporanea sospensione degli obblighi della società previsti negli articoli 2 e 3 del contratto di programma per almeno 15 giorni e comunque fino alla fine dell'emergenza sanitaria in atto. Si resta in attesa di un urgente cenno di riscontro". L'attuale situazione di emergenza sanitaria legata alla pandemia del virus Covid 19 "sta mettendo a dura prova anche i lavoratori postali - prosegue il sindacato - oltre all'evidente ritardo con cui l'azienda sta procedendo alla fornitura dei Dpi e a una diversa organizzazione della turnistica, temi su cui il sindacato sta incalzando quotidianamente Poste, è la natura stessa del lavoro che espone gli addetti al servizio a rischi di infezione molto elevati. Segnaliamo inoltre che a fronte di provvedimenti di riduzione del servizio, molti sindaci stanno prendendo posizione avversa come se, in questa drammatica situazione, pagare un bollettino o spedire una raccomandata fosse una questione di importanza vitale per i cittadini. A fronte di questa situazione riteniamo necessario che l'autorità si esprima in modo formale a favore di una riduzione dei livelli del servizio postale".