Italia markets close in 1 hour 11 minutes
  • FTSE MIB

    22.942,21
    -141,34 (-0,61%)
     
  • Dow Jones

    31.346,67
    -44,85 (-0,14%)
     
  • Nasdaq

    13.139,04
    -219,75 (-1,64%)
     
  • Nikkei 225

    29.559,10
    +150,93 (+0,51%)
     
  • Petrolio

    60,92
    +1,17 (+1,96%)
     
  • BTC-EUR

    42.066,55
    +806,70 (+1,96%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.013,05
    +24,96 (+2,53%)
     
  • Oro

    1.712,10
    -21,50 (-1,24%)
     
  • EUR/USD

    1,2057
    -0,0031 (-0,25%)
     
  • S&P 500

    3.841,01
    -29,28 (-0,76%)
     
  • HANG SENG

    29.880,42
    +784,56 (+2,70%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.698,38
    -9,34 (-0,25%)
     
  • EUR/GBP

    0,8654
    -0,0003 (-0,03%)
     
  • EUR/CHF

    1,1065
    +0,0008 (+0,07%)
     
  • EUR/CAD

    1,5244
    -0,0028 (-0,18%)
     

Coronavirus, spunta un effetto sugli uomini: studio lancia nuovo allarme

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
Coronavirus, spunta un effetto sugli uomini: studio lancia nuovo allarme (Getty Images)
Coronavirus, spunta un effetto sugli uomini: studio lancia nuovo allarme (Getty Images)

Spunta un nuovo effetto del coronavirus e stavolta riguarda soltanto gli uomini: secondo uno studio dell’Università tedesca Justus-Liebig, il Covid-19 potrebbe alterare la qualità dello sperma dei pazienti che lo hanno contratto.

GUARDA ANCHE - Vaccini Astrazeneca: per l'Italia un "trimestre nero"

Il team di ricercatori, infatti, ha analizzato regolarmente lo sperma di 84 uomini sotto i 40 anni infettati dal coronavirus per due mesi, confrontandolo con quella di 105 individui che non hanno contratto la malattia.

Dai risultati è emerso che negli uomini con Covid-19, i marker di infiammazione e stress ossidativo nello sperma erano due volte più alti rispetto al gruppo di controllo. Inoltre, sempre secondo i ricercatori, la concentrazione e la mobilità degli spermatozoi sono "notevolmente inferiori".

Si tratta della “prima prova sperimentale diretta che il sistema riproduttivo maschile può essere preso di mira e influenzato da Covid-19" ma “gli uomini non dovrebbero essere eccessivamente allarmati”. Secondo gli studiosi, infatti, “al momento non ci sono prove accertate di danni a lungo termine causati dal Covid-19 allo sperma o al potenziale riproduttivo maschile".

Una delle ipotesi è che i risultati osservati siano dovuti ai farmaci assunti da alcuni pazienti, in particolare corticosteroidi, antivirali e antiretrovirali. Infine bisogna ricordare che "sappiamo già - ha dichiarato la dottoressa Allan Pacey dell’Università di Sheffield - che la febbre può avere un impatto negativo sulla produzione di sperma, indipendentemente dalla malattia che l'ha provocata".

GUARDA ANCHE - Chi è felice batte il virus