Italia markets closed

Coronavirus Sud Italia, i cittadini: “Non abbiamo soldi per pagare la spesa”

coronavirus sud italia

L’emergenza coronavirus e le misure di contenimento adottate dal governo generano tensioni nel Sud Italia: i cittadini hanno dato il via ad alcune proteste. Infatti, molti hanno dichiarato di non avere i soldi per acquistare i beni di prima necessità e negli ultimi giorni non sono mancati i furti nei supermercati. Per questo si è reso necessario l’intervento delle forze dell’ordine che presidiano dall’esterno gli ingressi dei supermercati affinché non si dia il via a proteste o furti.

VIDEO - De Luca show: “Arrivate mascherine del coniglietto Bunny”

Coronavirus, tensione nel Sud Italia

Giovedì è andato in scena un assalto a un supermercato del Sud Italia: molti cittadini, infatti, non hanno i soldi per pagare la spesa a causa della chiusura delle attività per l’emergenza coronavirus. M0olti lavoratori, inoltre, erano in nero e per questo motivo, pur trattandosi di attività essenziali, non sono in grado di proseguire nel loro lavoro. Qualcuno ha tentato di rubare la merce fuggendo con il carrello e giustificandosi così: “Non abbiamo soldi e non vogliamo pagare”. La situazione in Sicilia ma anche a Napoli e a Bari è la stessa: i cittadini non sanno come pagare le merci. I soldi non bastano e al lavoro non si può andare. L’Italia non canta più dai balconi, ma cerca di sopravvivere.

CORONAVIRUS: LA MAPPA INTERATTIVA DEI CONTAGI IN ITALIA

In un video di un supermercato di Napoli si vede una scena drammatica. Un uomo arriva alla cassa, svuota il carrello e al momento di pagare allarga le braccia sconsolato. Non ha i soldi per permettersi la merce, ma non può rinunciare al cibo. Le persone che attendono in fila iniziano ad urlare contro il cliente: “Chiamate la polizia, il signore non ha i soldi per la spesa. Non può mangiare, non ha comprato champagne e vino, ha comprato l’essenziale”. Nessuno scontro, ma solo il tentativo di far scattare un gesto di solidarietà.

Una scena molto simile ripresa anche a Bari, dove un gruppo di persone denuncia la situazione: “Siamo rimasti senza cibo in casa, siamo senza soldi. Come facciamo a vivere?”. Un gruppo di persone radunate fuori dalla banca, invece, dichiara: “Non abbiamo più soldi”. E ancora: “Vi prego, venite a casa a vedere. Non ho più nulla. Io devo mangiare”. Gli agenti pattugliano di continuo gli ingressi dei supermercati e le zone dove si affollano le persone affinché non si svolgano risse.