Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.803,82
    -465,34 (-1,36%)
     
  • Nasdaq

    13.093,30
    -296,12 (-2,21%)
     
  • Nikkei 225

    28.147,51
    -461,08 (-1,61%)
     
  • EUR/USD

    1,2082
    -0,0070 (-0,58%)
     
  • BTC-EUR

    45.598,09
    -1.378,28 (-2,93%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.483,01
    -80,82 (-5,17%)
     
  • HANG SENG

    28.231,04
    +217,23 (+0,78%)
     
  • S&P 500

    4.083,28
    -68,82 (-1,66%)
     

Coronavirus, trovati danni cardiaci nei pazienti: i dettagli

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
Coronavirus, trovati danni cardiaci nei pazienti: i dettagli (Photo by Donato Fasano/Getty Images)
Coronavirus, trovati danni cardiaci nei pazienti: i dettagli (Photo by Donato Fasano/Getty Images)

Sono stati osservati differenti tipi di danni strutturali al cuore in quasi due pazienti su tre ricoverati per Covid sottoposti a ecografia: lo rivela uno studio condotto presso la Icahn School of Medicine a Mount Sinai che ha coinvolto anche pazienti di due ospedali milanesi, basato sui dati clinici dell'ecocardiogramma (ecografia del cuore).

GUARDA ANCHE - Cosa abbassa la carica virale?

Lo studio è stato pubblicato sul Journal of the American College of Cardiology ed ha coinvolto in tutto 305 pazienti. "Si tratta di uno dei primi studi che fornisce dettagliati dati ecografici e di elettrocardiogramna per pazienti ospedaloizzati per COVID-19 e prove di laboratorio di danno del cuore" - ha spiegato il primo autore del lavoro Gennaro Giustino, del Mount Sinai Hospital. "Abbiamo trovato che diverse anomalie strutturali cardiache sono presenti in quasi i due terzi dei pazienti COVID-19 sottoposti ad ecocardiogramma".

Tra le anomalie osservate, il 26,3% sono disfunzioni del ventricolo destro (collegabili a embolia polmonare o scompenso respiratorio), il 23,7% riguardano il ventricolo sinistro e sono associabili ad arresto cardiaco, il 18,4% sono associabili a scompenso cardiaco e miocardite. Molte anomalie sono state osservate già al momento del ricovero, altre nei giorni successivi.

GUARDA ANCHE - In terapia intensiva a 37 anni

Lo studio, infine, mostra che l'elettrocardiogramma è uno strumento utile e importante nell'identificazione precoce dei pazienti a più alto rischio di danno cardiaco correlate al COVID-19, che potrebbero beneficiare di un approccio terapeutico più aggressivo sin dall'inizio dell'ospedalizzazione.