Italia markets closed

Coronavirus, Ugl: chiarire misure sospensione attività didattiche

Vis

Roma, 12 mar. (askanews) - "Alla luce di quanto sta avvenendo in merito all'emergenza coronavirus, occorre rivedere e chiarire le misure relative alla sospensione delle attività didattiche disposte dall'ultimo DPCM, fissate al prossimo 3 aprile". Lo dichiara il segretario nazionale dell'Ugl scuola, Ornella Cuzzupi.

"Prendendo in esame tutte le disposizioni, ancor più restrittive delle precedenti - spiega la sindacalista - volte a contenere il contagio epidemiologico, appare doveroso, chiedere a tutti i dirigenti scolastici nazionali l'adozione di ogni misura flessibile riguardante i contingenti minimi del personale in carico, che vengono stabiliti nelle, doverose ed obbligatorie, integrazioni delle contrattazioni d'istituto, da improntare di concerto con la Rsu. Chiarito il punto fermo da cui non si può prescindere, ossia il mantenimento delle attività essenziali di tutte quelle istituzioni scolastiche, che non sono oggetto di chiusura, ma di sospensione delle attività didattiche, si chiede che vengano adottati criteri ispirati dal buon senso e dall'attenzione dovuta al personale amministrativo ed ausiliario, che, alla luce delle nuove indicazioni governative, deve essere turnato, onde garantire il funzionamento delle stesse, prevedendo il minor numero possibile di lavoratori in servizio".

Secondo l'Ugl scuola "limitare la mobilità dei dipendenti il più possibile è l'unico strumento utile per arrestare la diffusione di un'epidemia che sta diffondendo il panico tra la popolazione e mietendo contagiati e vittime in continua crescita".