Italia markets closed
  • Dow Jones

    31.919,81
    +657,91 (+2,10%)
     
  • Nasdaq

    11.471,09
    +116,48 (+1,03%)
     
  • Nikkei 225

    27.001,52
    +262,49 (+0,98%)
     
  • EUR/USD

    1,0684
    +0,0122 (+1,15%)
     
  • BTC-EUR

    28.466,03
    +423,10 (+1,51%)
     
  • CMC Crypto 200

    682,19
    +7,32 (+1,08%)
     
  • HANG SENG

    20.470,06
    -247,18 (-1,19%)
     
  • S&P 500

    3.966,94
    +65,58 (+1,68%)
     

Coronavirus: una nuova variante in Italia?

·1 minuto per la lettura
Omicron 2
Omicron 2

Omicron 2 è arrivata in Italia. Nel nostro Paese la variante sarebbe presente in 9 regioni ed è pari all’1% delle sequenze classificate come Omicron. A evidenziarlo l’indagine condotta da Iss e ministero della Salute, in collaborazione con i laboratori regionali e la Fondazione Bruno Kessler. La sottovariante Omicron Ba.2 è stata, in particolare, identificata nelle reguenti regioni: Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Piemonte, Sicilia e Toscana.

Il punto della situazione da parte dell’Iss

L’Iss, tramite alcune dichiarazioni riportate da Adnkronos, ha reso noto: “E’ di un certo interesse il fatto che in questa indagine siano state rilevate 21 sequenze riconducibili al lignaggio BA.2, che è causa di più del 50% di infezioni da Sars-CoV-2 in alcuni Paesi Europei tra i quali, in particolare, la Danimarca”.

Omicron 2 in Italia: le dichiarazioni di Gianni Rezza

Il direttore della Programmazione sanitaria del Ministero della Salute, Gianni Rezza, parlando di Omicron 1 e 2 ha dichiarato: “La variante Omicron è ormai largamente predominante nel nostro Paese, si rileva in più del 95% dei casi, e in alcuni casi è stata anche rilevata la presenza della variante Omicron 2 che però non differisce molto nelle caratteristiche rispetto a Omicron 1”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli