Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.965,63
    -127,47 (-0,55%)
     
  • Dow Jones

    31.496,30
    +572,16 (+1,85%)
     
  • Nasdaq

    12.920,15
    +196,68 (+1,55%)
     
  • Nikkei 225

    28.864,32
    -65,78 (-0,23%)
     
  • Petrolio

    66,28
    +2,45 (+3,84%)
     
  • BTC-EUR

    41.694,20
    +701,73 (+1,71%)
     
  • CMC Crypto 200

    982,93
    +39,75 (+4,21%)
     
  • Oro

    1.698,20
    -2,50 (-0,15%)
     
  • EUR/USD

    1,1916
    -0,0063 (-0,52%)
     
  • S&P 500

    3.841,94
    +73,47 (+1,95%)
     
  • HANG SENG

    29.098,29
    -138,51 (-0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.669,54
    -35,31 (-0,95%)
     
  • EUR/GBP

    0,8612
    -0,0004 (-0,05%)
     
  • EUR/CHF

    1,1085
    -0,0036 (-0,32%)
     
  • EUR/CAD

    1,5068
    -0,0094 (-0,62%)
     

Cos'è successo alle buone maniere e cosa fare al riguardo

Francesco Simoncelli
·7 minuto per la lettura

C'era quel tizio al liceo che fece un viaggio all'estero, tornò e deliziò tutti con tante storie di cose che vide. Tutti erano invidiosi.

Oggi quel tizio sono io.

La vita a Seul

Sono tornato da poco dalla mia prima visita a Seul, in Corea del Sud, parlando ad una conferenza sull'economia digitale. L'evento ha attirato circa 2.000 partecipanti, per la maggior parte studenti che hanno ascoltato attentamente e si sono gustati 3 giorni di discorsi, interviste e dibattiti.

Ci sono molte cose che mi hanno colpito durante il viaggio. La prosperità del luogo è meravigliosa, il turbinio di nuove idee e tecnologie, il cibo favoloso, l'evidente laboriosità della città: tutto mi ha impressionato. La Corea del Sud è classificata come "per lo più libera" nell'indice della libertà economica, quindi tutto questo ha senso. In particolare, il Paese si colloca molto più in alto degli Stati Uniti in termini di libertà imprenditoriale (93 punti per la Corea del Sud contro gli 83 degli Stati Uniti).

Ma più di ogni altra cosa, ciò che mi ha scioccato è stata l'universale attenzione alle maniere da parte di tutti. Il decoro come impegno sociale è ovunque. Quando si chiama un taxi, l'autista scende e vi apre la portiera. Gli estranei vi salutano con calore.

Questo è inconcepibile negli Stati Uniti.

Ma si tratta di più di questo. I cocktail party a Seul sono occasioni sociali sentite, perché le persone si scambiano inchini e altri convenevoli. Le persone si alzano quando arrivano gli altri per cena. Espressioni di deferenza, umiltà e rispetto sono ovunque.

La grazia e il decoro della vita quotidiana penetrano in ogni aspetto della società, ovunque ci si trovi in ​​città. Ho poi lasciato le zone eleganti per visitare i vicoli dei quartieri commerciali del centro ed osservare come si comportassero le persone normali! Anche lì era lo stesso. E non intendo solo come trattavano me, ma anche come si trattavano tutti gli altri.

L'effetto sulla felicità generale della vita quotidiana è palpabile e notevolmente diverso dagli Stati Uniti dove, per ragioni inspiegabili, i vecchi rituali di impegno sociale sembrano quasi essere svaniti. L'ubiquità delle buone maniere a Seul garantisce facilità alla vita. Mi sono trovata lentamente a fidarmi, a sentirmi apprezzato, ad aspettarmi sorrisi e ad imparare la routine da solo in modo da poter ricambiare.

Aggiungo anche che le buone maniere si riflettevano nell'abbigliamento comune in città, che era molto elevato rispetto agli standard statunitensi; anche l'abbigliamento casual era ordinato e con un'attenzione particolare alla pulizia, alla moda e ai dettagli.

Aria che respiriamo

Il viaggio mi ha ricordato una frase di Edmund Burke: "Le buone maniere sono più importanti delle leggi [...]. La legge ci tocca, ma qua e là, e ogni tanto. Le buone maniere sono ciò che ci tormenta o lenisce, corrompono o purificano, esaltano o sviliscono, ci imbarbariscono o ci perfezionano, con un'operazione costante, uniforme, insensibile, come quella dell'aria che respiriamo".

Il grande economista Henry Hazlitt concordava:

È vero che una parte di qualsiasi codice di comportamento è puramente convenzionale e arbitrario, come sapere quale forchetta usare per l'insalata, ma il cuore di ogni codice di comportamento è molto più profondo. Si sviluppano le buone maniere, non per rendere la vita più complicata e imbarazzante (anche se le maniere cerimoniali elaborate lo fanno), ma per renderla a lungo andare più liscia e semplice: una danza e non una serie di sobbalzi. La misura in cui accade ciò è la prova di qualsiasi codice di comportamento. Le buone maniere sono una morale minore. Le buone maniere stanno alla morale come la carteggiatura finale, lo sfregamento e la lucidatura su un bel mobile stanno alla selezione del legno, alla segatura, alla cesellatura e al montaggio. Sono il tocco finale.

Ora sarete pronti a liquidare tutto questo con un'alzata di spalle: questa è solo la loro cultura. E sarebbe giusto, ma questo solleva un'altra domanda: perché è la loro cultura? E perché l'ascesa di una straordinaria prosperità non l'ha distrutta?

In realtà, questa probabilmente è la domanda sbagliata, nata interamente dall'esperienza degli Stati Uniti. In particolare, le persone attribuiscono la brutalità dei social media ad una popolazione viziata, cui è concesso l'accesso a tutto senza alcuna aspettativa di obblighi reciproci. Forse sì, ma non può spiegare il tutto.

Più in generale, tendiamo ad attribuire la grossolanità della vita quotidiana negli Stati Uniti alla decadenza materiale. La vita è troppo facile, quindi non pensiamo più di doverci nemmeno provare. Ci lasciamo andare, trattiamo gli altri male e non ci aspettiamo di essere trattati bene noi stessi. Abbiamo tutto ciò di cui abbiamo bisogno, quindi non c'è più un incentivo a coltivare sensibilità superiori. Non abbiamo più bisogno di aspirazioni personali. È inevitabile vero?

Sulla base della mia esperienza a Seul, non è inevitabile che alti livelli di prosperità siano correlati alla perdita delle buone maniere. Tanto meno è vero che l'economia di mercato in qualche modo erode il nostro senso di dignità personale; esattamente il contrario.

Scelta della filosofia

Sostituire la decenza con la brutalità è invece una scelta cosciente. Queste scelte non si basano sul nostro reddito, ma piuttosto sulle idee che abbiamo su noi stessi e sugli altri. Ed è qui che negli Stati Uniti si sono consolidati i cambiamenti più eclatanti. Abbiamo attraversato un cambiamento filosofico nel corso dei decenni e ora stiamo raccogliendo ciò che i filosofi hanno seminato.

Judith Martin (Miss buone maniere) offre uno schizzo interessante di alcune ultime modifiche. Tra queste c'è che il valore dell'autenticità ha normalizzato ciò che una volta era considerato volgare. Abbiamo deciso che essere noi stessi (inclusa tutta la meschinità che implica) è di gran lunga più importante che trovare modi per comportarsi in modo più dignitoso e decente. Abbiamo celebrato la franchezza e la discrezione scontata. Affermiamo di volere l'onestà in tutte le cose, anche quando ciò va a scapito del rispetto e della deferenza. Vogliamo che tutti abbiano una mentalità aperta (cos'è la verità comunque?), ma questo ha sostituito il rispetto per l'erudizione e la conoscenza.

Questi apparentemente sono piccoli cambiamenti, basati su un grande cambiamento nelle idee fondamentali, ma consumano il gusto e le buone maniere che un tempo governavano le nostre interazioni quotidiane con gli altri.

Ricordo lo shock che provai quando mi imbattei in un libro del 1939 sulla personalità. L'autore era molto schietto: il punto non è diventare chi sei, ma migliorarti secondo i più alti standard. La personalità non è qualcosa che scopri ma crei. Non avevo mai sentito un pensiero simile prima. Questo perché è svanito solo pochi decenni dopo.

Strumenti smussati

C'è un altro fattore che vale la pena di esplorare. Dalla seconda guerra mondiale, abbiamo permesso a leggi e regolamenti di governare tanti aspetti della nostra vita che una volta erano lasciati alle forze in evoluzione della società. Il diritto è arrivato a governare le nostre associazioni private, le nostre diete e abitudini, i nostri comportamenti in ufficio, le nostre associazioni pubbliche e private, i nostri impegni quotidiani con tutti.

Non parliamo più di ciò che è scortese o socialmente inaccettabile, ma di ciò che è perseguibile e illegale, alimentando un'esplosione di contenziosi e una cultura del falso oltraggio. Il tribunale dei costumi è stato sostituito dal tribunale giuridico. Ciò ha alimentato sospetto, sfiducia e recriminazione reciproca, per non parlare della rabbia e del risentimento. Questo uso della legge ha avuto l'effetto di spiazzare i meccanismi dell'evoluzione sociale organica.

La buona notizia: ciò che la cattiva filosofia ha distrutto può essere ricreato una vita alla volta. Ciò non richiede alcuna legge o legislazione. Non c'è bisogno di fare pressioni o protestare. Richiede solo un sincero desiderio di migliorare la vostra vita e quella degli altri intorno a voi attraverso una riscoperta di vecchi modi di comportamento, così come una dedizione ad aiutare l'angolo del mondo che è influenzato dalle vostre scelte a diventare un posto migliore in cui vivere.

All'inizio il vostro nuovo modo di fare sembrerà influenzato da qualcuno o qualcosa, ma poi si formeranno le abitudini. Altri lo noteranno e lo copieranno. Alla fine, come dice Burke, la decenza diventa "un'operazione costante, uniforme, insensibile" e "l'aria che respiriamo".

Può succedere. Il mio viaggio a Seul me ne ha convinto.

Di Jeffrey Tucker

Traduzione di Francesco Simoncelli

Autore: Francesco Simoncelli Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online