Italia markets close in 3 hours 23 minutes
  • FTSE MIB

    24.370,97
    +337,92 (+1,41%)
     
  • Dow Jones

    32.223,42
    +26,76 (+0,08%)
     
  • Nasdaq

    11.662,79
    -142,21 (-1,20%)
     
  • Nikkei 225

    26.659,75
    +112,70 (+0,42%)
     
  • Petrolio

    115,31
    +1,11 (+0,97%)
     
  • BTC-EUR

    28.749,12
    +282,64 (+0,99%)
     
  • CMC Crypto 200

    682,11
    +439,43 (+181,07%)
     
  • Oro

    1.834,30
    +20,30 (+1,12%)
     
  • EUR/USD

    1,0549
    +0,0110 (+1,05%)
     
  • S&P 500

    4.008,01
    -15,88 (-0,39%)
     
  • HANG SENG

    20.602,52
    +652,31 (+3,27%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.739,71
    +54,37 (+1,48%)
     
  • EUR/GBP

    0,8442
    -0,0026 (-0,30%)
     
  • EUR/CHF

    1,0463
    +0,0010 (+0,10%)
     
  • EUR/CAD

    1,3524
    +0,0117 (+0,88%)
     

Così il Covid ha cambiato la vita a New York

·2 minuto per la lettura

AGI - Meno ingressi nei negozi e minor permanenza nei luoghi visitati. Così è cambiata la vita a New York durante la pandemia secondo i risultati di uno studio realizzato dalla Fondazione Bruno Kessler di Trento in collaborazione con l'Istituto di scienze e tecnologie dell'informazione del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Isti) e con l'azienda Cuebiq Inc di New York.

La ricerca, pubblicata su Scientific Reports, si è basata sui dati Gps di 837 mila cellulari, trattati in maniera anonima, negli Stati Uniti, da gennaio a settembre 2020. Ed è emerso che nel periodo dello studio, il numero di visite nei negozi e in altri luoghi di interesse è diminuito segnando un -28% rispetto al periodo pre-pandemico nello Stato di New York e, al tempo stesso, è diminuita la durata della permanenza nei luoghi visitati del 23%.

Dallo studio, è inoltre risultato che le persone hanno mantenuto un comportamento protettivo anche nella fase di riapertura, proseguendo la tendenza a frequentare meno luoghi e soprattutto a passarvi meno tempo.

"Dall'osservazione e disamina dei dati emerge che con il protrarsi della pandemia, le persone abbiano iniziato a prestare meno attenzione ai dati sul numero di casi e di morti provocati dalla pandemia e in qualche modo sia cambiata la loro percezione del rischio. Questo ha modificato il loro comportamento di conseguenza. Un'altra ipotesi è che ragioni economiche abbiano spinto comunque a riprendere a frequentare più luoghi e a rimanervi più a lungo", dice Lorenzo Lucchini ricercatore della Fondazione Kessler.

Sono state riscontrate minori precauzioni tra le mura domestiche. "Le analisi hanno inoltre mostrato che mentre le persone hanno in genere ridotto i contatti sociali per diminuire le probabilità di contagio nei luoghi di interesse, le stesse precauzioni non sono state mantenute all'interno delle abitazioni", conclude Luca Pappalardo ricercatore di Cnr-Isti. "Fra le mura domestiche poi non si e' stati altrettanto attenti a ridurre i contatti sociali con persone non conviventi, e questo nonostante sia risaputo che i contatti in quel tipo di ambiente contribuiscano significativamente alla diffusione dei contagi".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli