Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.429,41
    -147,10 (-0,60%)
     
  • Dow Jones

    33.800,60
    +297,03 (+0,89%)
     
  • Nasdaq

    13.900,19
    +70,88 (+0,51%)
     
  • Nikkei 225

    29.768,06
    +59,08 (+0,20%)
     
  • Petrolio

    59,34
    -0,26 (-0,44%)
     
  • BTC-EUR

    50.907,70
    +1.268,77 (+2,56%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.235,89
    +8,34 (+0,68%)
     
  • Oro

    1.744,10
    -14,10 (-0,80%)
     
  • EUR/USD

    1,1905
    -0,0016 (-0,13%)
     
  • S&P 500

    4.128,80
    +31,63 (+0,77%)
     
  • HANG SENG

    28.698,80
    -309,27 (-1,07%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.978,84
    +1,01 (+0,03%)
     
  • EUR/GBP

    0,8684
    +0,0010 (+0,11%)
     
  • EUR/CHF

    1,0998
    -0,0014 (-0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,4906
    -0,0058 (-0,38%)
     

Cos’è l'investimento fattoriale

Redazione
·3 minuto per la lettura
Cos’è l'investimento fattoriale
Cos’è l'investimento fattoriale

Secondo gli esperti di Invesco, l’analisi dei fattori di stile può aiutare a costruire e riposizionare i portafogli per migliorarne il profilo di rischio e rendimento in ottica di lungo periodo

Il terzo pilastro d’investimento accanto agli approcci tradizionali attivo e passivo è quello che rappresenta per Invesco lo stile fattoriale, che permette di selezionare gli investimenti ad analisi molto precise sui singoli titoli, per poterli inserire in modo funzionale nei portafogli.

IL GLOBAL FACTOR INVESTING STUDY 2020 DI INVESCO

Nella ricerca proprietaria di Invesco (Global Factor Investing Study 2020) viene delineata una rapida espansione dell'investimento fattoriale nell'arco dei prossimi cinque anni, identificando temi a livello di esperienze degli investitori, barriere e metodi di attuazione tra investitori istituzionali e retail. “Questi fattori sono stati identificati attraverso l'analisi dei dati storici di mercato relativi a più anni. Inoltre, i fattori più utili sono quelli capaci di illustrare con costanza gli schemi di rischio e rendimento sui vari mercati e nel tempo”, fanno sapere gli esperti di Invesco. I fattori di stile, nello specifico, illustrano le dinamiche di rischio e rendimento all'interno di asset class quali obbligazioni, materie prime e, in modo più diffuso, azioni: all’interno dell’azionario si distinguono in particolare i fattori size, quality, value, momentum, volatilità e dividend yield.

SIZE, QUALITY E VALUE

Il fattore size si propone di capitalizzare il potenziale di crescita delle società più piccole rispetto a quelle più grandi. Storicamente, le piccole imprese hanno dimostrato di poter generare rendimenti più elevati. Quality caratterizza invece le aziende con utili stabili, livelli contenuti di debito e una governance forte. Osservando specifici parametri finanziari, quali il rapporto debito/patrimonio netto e il RoE (return on equity), è possibile individuare un titolo di alta qualità. Lo stile value, dal canto suo, mira a cogliere gli extra-rendimenti generati dai titoli con basse valutazioni rispetto al loro valore fondamentale, quest’ultimo stimato sulla base di parametri come gli utili o il cash flow.

MOMENTUM, VOLATILITÀ E DIVIDEND YIELD

Nel caso invece del momentum l’attenzione è rivolta ai titoli che hanno sovraperformato in passato visto che, storicamente, tendono a esprimere buone performance anche nell’immediato futuro: identificare e sfruttare questa proprietà è l’essenza del fattore momentum. Per quanto riguarda la volatilità, le ricerche dimostrano che nel lungo termine i titoli a bassa volatilità sovraperformano quelli ad alta volatilità, tenendo conto dei relativi rischi nello stesso periodo. Infine, il fattore dividend yield si propone di rispecchiare i rendimenti potenzialmente più elevati dei titoli che esprimono flussi cedolari periodici e costanti superiori alla media: nel tempo i pagamenti di dividendi costituiscono una componente importante dei rendimenti azionari totali.

UN APPROCCIO EFFICACE NELL’ATTUALE CONTESTO D’INVESTIMENTO

“Il rapporto tra i rendimenti dei titoli e il contesto macroeconomico può agevolare le decisioni di allocazione del portafoglio, associando le varie asset class e strategie di investimento ai rispettivi fattori macroeconomici più pertinenti”, riferiscono i fund manager di Invesco. L’approccio basato sui fattori macroeconomici può peraltro risultare particolarmente efficace nell'attuale contesto d'investimento, specialmente alla luce di rendimenti obbligazionari ai minimi storici (se non addirittura negativi), scarsa inflazione e politiche monetarie accomodanti.

AIUTARE A CONCRETIZZARE LE FINALITÀ DEGLI INVESTITORI

”Gli investitori richiedono maggiore efficacia, trasparenza, controllo e scalabilità nel conseguimento dei loro obiettivi di rendimento, rischio e sostenibilità. Riteniamo che le soluzioni accurate e sistematiche offerte dall'investimento fattoriale continueranno a diffondersi, aiutando a concretizzare queste finalità”, concludono gli esperti di Invesco.