Italia markets closed
  • Dow Jones

    27.559,56
    -776,01 (-2,74%)
     
  • Nasdaq

    11.343,04
    -205,24 (-1,78%)
     
  • Nikkei 225

    23.494,34
    -22,25 (-0,09%)
     
  • EUR/USD

    1,1820
    -0,0048 (-0,40%)
     
  • BTC-EUR

    10.982,46
    -116,62 (-1,05%)
     
  • CMC Crypto 200

    259,27
    -4,15 (-1,57%)
     
  • HANG SENG

    24.918,78
    +132,68 (+0,54%)
     
  • S&P 500

    3.390,47
    -74,92 (-2,16%)
     

Cosa muove i listini emergenti?

Morningstar
·2 minuti per la lettura

Finanziari e healthcare fanno perdere agli emergenti il confronto con i mercati globali. Da inizio anno i listini dei paesi in via di sviluppo hanno sottoperformato la media delle Borse a livello mondiale registrando una perdita (in euro) del 5,83% contro il -2,31% del benchmarck (vedi Figura 1).

Figura 1: Mercati Emergenti vs Mercati Globali

Fonte dati: Morningstar Direct, dati dall'1/01/2020 al 31/08/2020 in euro.

Le ragioni del ritardo

Guardando al diverso peso dei settori nella capitalizzazione di mercato complessiva dell’indice Morningstar Emerging Markets, notiamo che il forte sovrappeso del settore finanza, oltre 500 punti base rispetto al 16% ricoperto nel benchmark, è stata la causa principale del ritardo accusato dai listini emergenti da inizio anno (e fino a fine agosto), considerata la pessima performance dei finanziari che, a livello globale e nel periodo considerato, hanno perso circa il 13% (in euro). Il settore healthcare è stato il secondo maggior responsabile della sottoperformance degli emergenti. L’indice Morningstar Emerging Markets è significativamente meno esposto al comparto salute rispetto all’indice globale (più di 800 punti base) e questo ha avuto un peso importante in termini di performance dato il rendimento dei titoli healthcare nei mercati in via di sviluppo (+24% in euro nel periodo considerato).

Il terzo fattore che ha pesato sul risultato degli emerging markets è stato il leggero sovrappeso degli energetici (+100 pb rispetto al benchmark) che sui listini dei paesi in via di sviluppo hanno perso quasi il 30% da inizio anno (al 31 agosto 2020). Il negativo contributo dei settori Finanza, Salute ed Energia è stato solo parzialmente compensato dal sovrappeso dei comparti consumer cyclical e delle telecomunicazioni e dal sottopeso di quello manifatturiero. I primi due hanno realizzato sui mercati emerging un rendimento rispettivamente pari al 18% e al 10%, sovraperformando i relativi indici a livello globale, mentre i titoli manufatturieri emergenti hanno ceduto nello stesso periodo quasi il 19%.

Primo trimestre penalizzante per gli emerging

Il gap nei confronti dei listini mondiali è da imputare al primo trimestre del 2020, nel quale è stato accumulato un ritardo di circa 267 punti base, mentre nei successi cinque mesi il passivo non è andato oltre i 30 pb (vedi Figura 2). Nel primo periodo, infatti, la performance dei finanziari emergenti è stata pessima (-31%). Mentre nel secondo gli emergenti sono riusciti a mantenere in equilibrio il punteggio per effetto del sovrappeso del comparto consumer cyclical che tra aprile e agosto ha guadagnato oltre il 40%.

Figura 2: Mercati Emergenti vs Mercati Globali

Fonte dati: Morningstar Direct, dati dall'1/01/2020 al 31/08/2020 in euro.

Di Francesco Lavecchia

Autore: Morningstar Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online