Italia markets close in 1 hour 43 minutes
  • FTSE MIB

    22.448,06
    +66,71 (+0,30%)
     
  • Dow Jones

    30.814,30
    -177,24 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    12.998,50
    -114,10 (-0,87%)
     
  • Nikkei 225

    28.242,21
    -276,97 (-0,97%)
     
  • Petrolio

    52,33
    -0,03 (-0,06%)
     
  • BTC-EUR

    30.140,29
    +256,78 (+0,86%)
     
  • CMC Crypto 200

    706,55
    -28,59 (-3,89%)
     
  • Oro

    1.834,90
    +5,00 (+0,27%)
     
  • EUR/USD

    1,2076
    -0,0009 (-0,07%)
     
  • S&P 500

    3.768,25
    -27,29 (-0,72%)
     
  • HANG SENG

    28.862,77
    +288,91 (+1,01%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.596,88
    -2,67 (-0,07%)
     
  • EUR/GBP

    0,8905
    +0,0018 (+0,20%)
     
  • EUR/CHF

    1,0755
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,5413
    +0,0040 (+0,26%)
     

Costruzioni, Rebecchini: "Intervento Stato in mercato opere lede concorrenza"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

L’intervento dello Stato nel mercato delle opere pubbliche "rischia di diventare la madre di tutti i problemi. In un mercato in cui la concorrenza è sempre più limitata se le imprese si devono confrontare anche con quelle che hanno una copertura dallo Stato è chiaro che la concorrenza viene lesa: chi è che vuole lavorare direttamente con un'impresa privata piuttosto che con un'azienda che ha la garanzia dello Stato alle spalle?". Ad affermarlo, in un'intervista all'Adnkronos, è il presidente di Acer, Nicolò Rebecchini.

Comunque, osserva ancora il presidente di Ance Roma, "il vero problema non è solo il problema legato alla concorrenza. C'è anche il rischio che la piccola e media imprenditoria possa scomparire e questo è un problema per l'Italia che si basa per il 95% sulla piccola e media imprenditoria. Questa cosa rischia di travolgere la nostra economia e di diventare un problema sociale fortissimo".

Insomma per Rebecchini, "bisogna trovare un giusto equilibrio: nessuno dice che lo Stato non ci debba essere ma bisogna trovare soluzioni e equilibri possibili dove lo Stato da una parte c'è con le sue aziende ma dall'altro lato che ci sia spazio anche per la piccola e media imprenditori per le opere di manutenzione, di riqualificazione urbana".