Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.636,26
    +89,76 (+0,37%)
     
  • Dow Jones

    33.212,96
    +575,77 (+1,76%)
     
  • Nasdaq

    12.131,13
    +390,48 (+3,33%)
     
  • Nikkei 225

    26.781,68
    +176,84 (+0,66%)
     
  • Petrolio

    115,07
    +0,98 (+0,86%)
     
  • BTC-EUR

    27.013,14
    +5,06 (+0,02%)
     
  • CMC Crypto 200

    625,79
    -3,71 (-0,59%)
     
  • Oro

    1.857,30
    +3,40 (+0,18%)
     
  • EUR/USD

    1,0739
    +0,0006 (+0,05%)
     
  • S&P 500

    4.158,24
    +100,40 (+2,47%)
     
  • HANG SENG

    20.697,36
    +581,16 (+2,89%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.808,86
    +68,55 (+1,83%)
     
  • EUR/GBP

    0,8497
    -0,0014 (-0,16%)
     
  • EUR/CHF

    1,0271
    -0,0016 (-0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,3655
    -0,0046 (-0,33%)
     

Cottarelli: con stop a gas russo chiara recessione e razionamenti

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 22 apr. (askanews) - "Se ci fosse una interruzione (sulle forniture) di gas russo, nei primi 12 mesi sarò difficile non avere un razionamento. E quindi staremo a vedere se alla fine viene presa una decisione politica" in tal senso. Lo ha affermato Carlo Cottarelli, direttore dell'Osservatorio sui conti pubblici dell'Università Cattolica a Class Cnbc.

Quanto agli effetti sul Pil dell'Italia, "se la guerra finisse presto l'effetto non sarà troppo elevato, 2,5%-3% di crescita si può fare". Ma se le sanzioni venissero allargate al gas dalla Russia "allora ci sarebbe una chiara recessione e a una velocità elavata", ha avvertito.

E intanto sui conti pubblici "le cose sarebbero più difficili che nel 2020-2021, in cui tutto il deficit venne di fatto finanziato dalla Bce. Ora i tassi stano andando su, lo spread è andato un po' su, ma non vedo problemi nell'immediato. Se la domanda è se il debito è a rischio quest'anno no: direi proprio di no". Ma anche qui "se ci fosse lo stop al gas (russo), allora ancora una volta siamo un po' nelle mani dell'Europa e probabilmente ci sarebbe una riposta (a livello Ue). E con il 28% del debito pubblico detenuto da istituzioni Ue - ha concluso Cottarelli - siamo dipendenti dalle istituzioni Ue".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli