Italia markets closed
  • Dow Jones

    30.093,29
    +502,02 (+1,70%)
     
  • Nasdaq

    12.024,44
    +143,80 (+1,21%)
     
  • Nikkei 225

    26.165,59
    +638,22 (+2,50%)
     
  • EUR/USD

    1,1875
    +0,0030 (+0,25%)
     
  • BTC-EUR

    16.153,65
    +572,51 (+3,67%)
     
  • CMC Crypto 200

    380,53
    +10,78 (+2,92%)
     
  • HANG SENG

    26.588,20
    +102,00 (+0,39%)
     
  • S&P 500

    3.636,30
    +58,71 (+1,64%)
     

Covid-19: Inail, +965 contagi sul lavoro in 15 giorni a giugno. 8 su 10 nel Nord

Valeria Panigada
·1 minuto per la lettura

I contagi sul lavoro da Covid-19 denunciati all’Inail al 30 giugno sono stati quasi 50mila, 965 in più rispetto al monitoraggio del 15 giugno. I casi mortali sono 252 (+16), concentrati soprattutto tra gli uomini (82,5%) e nelle fasce 50-64 anni (69,8%) e over 64 anni (19,5%), con un’età media dei deceduti di 59 anni. Prendendo in considerazione il totale delle infezioni di origine professionale segnalate all’istituto, il rapporto tra i generi si inverte – il 71,6% dei lavoratori contagiati sono donne – e l’età media scende a 47 anni. A fare il punto della situazione è il sesto report nazionale elaborato dalla Consulenza statistico attuariale dell’Inail, pubblicato oggi. Dall’analisi territoriale emerge che più di otto denunce su 10 sono concentrate nell’Italia settentrionale: il 56,2% nel Nord-Ovest e il 24,2% nel Nord-Est. Nel dettaglio, il 30,2% dei 18.032 contagi sul lavoro denunciati nel territorio lombardo riguardano la provincia di Milano, ma con 32 decessi la provincia di Bergamo conferma il primato negativo per i casi mortali, seguita da Milano (22), Brescia (20) e Cremona (16).