Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.717,42
    +79,23 (+0,31%)
     
  • Dow Jones

    34.479,60
    +13,36 (+0,04%)
     
  • Nasdaq

    14.069,42
    +49,09 (+0,35%)
     
  • Nikkei 225

    28.948,73
    -9,83 (-0,03%)
     
  • Petrolio

    70,78
    +0,49 (+0,70%)
     
  • BTC-EUR

    29.572,78
    +165,03 (+0,56%)
     
  • CMC Crypto 200

    924,19
    -17,62 (-1,87%)
     
  • Oro

    1.879,50
    -16,90 (-0,89%)
     
  • EUR/USD

    1,2107
    -0,0071 (-0,58%)
     
  • S&P 500

    4.247,44
    +8,26 (+0,19%)
     
  • HANG SENG

    28.842,13
    +103,25 (+0,36%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.126,70
    +30,63 (+0,75%)
     
  • EUR/GBP

    0,8581
    -0,0004 (-0,05%)
     
  • EUR/CHF

    1,0870
    -0,0021 (-0,20%)
     
  • EUR/CAD

    1,4713
    -0,0008 (-0,05%)
     

Covid-19, J&J inizia sperimentazione potenziale vaccino a due dosi

·1 minuto per la lettura
Quattro fiale con l'etichetta 'Vaccino Covid-19' e una siringa davanti al logo J&J

LONDRA (Reuters) - Johnson & Johnson ha avviato un nuovo studio clinico in fase avanzata su larga scala per testare un regime a due dosi del suo vaccino sperimentale contro il Covid-19 e valutare i potenziali benefici incrementali per la durata della protezione con una seconda dose.

La casa farmaceutica statunitense prevede di reclutare fino a 30.000 partecipanti per lo studio e di eseguirlo parallelamente alla sperimentazione a dose unica iniziata a settembre, che conta 60.000 volontari.

Il dipartimento britannico dello studio mira a reclutare 6.000 partecipanti, mentre il resto sarà proveniente da altri paesi con un'alta incidenza di casi di Covid-19 come Stati Uniti, Belgio, Colombia, Francia, Germania, Filippine, Sud Africa e Spagna.

Ai partecipanti verrà somministrata una prima dose di placebo o del vaccino sperimentale, attualmente chiamato Ad26COV2, seguita da una seconda dose o da un placebo 57 giorni dopo, ha detto Saul Faust, professore di immunologia pediatrica e malattie infettive che è co-direttore dello studio presso l'University Hospital di Southampton.

Lo studio segue i risultati provvisori positivi del trial clinico in corso in fase iniziale e intermedia, da cui è emerso che una singola dose del candidato al vaccino ha indotto una robusta risposta immunitaria ed è stata generalmente ben tollerata.

(Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Milano Sabina Suzzi)